Come l’olio di cocco può aiutarti a perdere peso

Condividi

L’olio di cocco è uno dei migliori alimenti al mondo per perdere peso. Contiene una combinazione di acidi grassi speciale, con un effetto potentissimo nell’accelerare il metabolismo.

Diversi studi hanno dimostrato che anche solo aggiungendo l’olio di cocco nella tua dieta puoi perdere i grassi in eccesso, soprattutto quelli pericolosi che si depositano sull’addome.

Ecco come funziona…

L’olio di cocco contiene acidi grassi a catena media, che accelerano il metabolismo

L’olio di cocco è diverso da qualunque altro grasso.

Mentre la maggior parte dei cibi contiene soprattutto acidi grassi a catena lunga, l’olio di cocco contiene quasi interamente acidi grassi a catena media (Leggi qui le proprietà).

La cosa interessante di questi acidi grassi a catena media è che sono metabolizzati in modo diverso rispetto a quelli a catena lunga. Infatti questi grassi vengono inviati direttamente al fegato attraverso il tratto digestivo, dove vengono usati per ricavare energia o per essere trasformati in chetoni.

Questi grassi sono spesso usati dagli epilettici nelle diete chetogeniche (che hanno lo scopo di aumentare i livelli di chetoni) (Leggi qui lo studio).

Ci sono anche alcuni studi fatti sugli animali che hanno dimostrato che i grassi a catena media, a differenza degli altri grassi, vengono immagazzinati meno efficientemente, quindi si accumulano di meno.

In uno di questi studi alcuni ratti sono stati ipernutriti con grassi a catena lunga e altri con grassi a catena corta. I ratti nutriti con i grassi a catena corta aumentavano di peso del 20% in meno e avevano il 23% in meno di grassi (Leggi qui lo studio).

L’olio di cocco ti fa bruciare più calorie

Una delle più importanti proprietà dell’olio di cocco è che è termogenico: mangiandolo si bruciano di più i grassi (Leggi qui lo studio).

In uno studio è stato evidenziato che 15-30 grammi (da 1 a 2 cucchiai) di acidi grassi a catena media al giorno aumentavano il dispendio energetico del 5%, per un totale di 120 kilo calorie al giorno (Leggi qui lo studio).

Diversi altri studi confermano queste scoperte. Quando si sostituiscono i grassi con grassi a catena media, si bruciano molte più calorie (Leggi qui lo studio).

Quindi una caloria da olio di cocco non è la stessa cosa di una caloria da olio d’oliva o burro (anche se questi grassi sono comunque molto utili e salutari).

L’olio di cocco riduce l’appetito, facendoti sentire più sazio

Molti studi fatti sugli acidi grassi a catena media mostrano che, paragonati alla stessa quantità di calorie da altri grassi, aumentano il senso di pienezza e portano a una riduzione automatica e indolore delle calorie (Leggi qui lo studio).

Questo effetto potrebbe essere collegato al modo in cui questi grassi sono metabolizzati. E’ bene sapere che i chetoni, che il fegato produce quando mangi olio di cocco, possono avere un utile effetto di riduzione dell’appetito (Leggi gli studi 1, 2, 3).

Qualunque sia il meccanismo che innesca, funziona. In uno studio fatto su 6 uomini in salute che mangiavano un’alta quantità di acidi grassi a catena media, questa dieta faceva sì che assumessero 256 calorie al giorno in meno (Leggi qui lo studio).

In un altro studio fatto su 14 uomini in salute, quelli che a colazione introducevano grassi a catena media, mangiavano di meno a pranzo (Leggi qui lo studio).

Quindi l’olio di cocco aumenta la capacità di bruciare i grassi e riduce anche l’appetito.

L’olio di cocco aiuta a perdere grassi, soprattutto quelli addominali

Se l’olio di cocco può accelerare il metabolismo e ridurre l’appetito, allora deve aiutarti anche a perdere grassi.

Ci sono diversi studi che lo dimostrano.

In uno studio, a 40 donne divise in due gruppi, sono stati dati 30 grammi (2 cucchiai) di olio di cocco o olio di semi di soia per 28 giorni. La loro dieta era di poche calorie e prevedeva che camminassero ogni giorno. Questi sono stati i risultati (Leggi qui lo studio):

  • Entrambi i gruppi hanno perso peso (quasi 1kg).
  • Solo il gruppo che aveva mangiato olio di cocco aveva ridotto il giro vita mentre in quello che aveva mangiato olio di semi di soia la pancia era aumentata.
  • Nel gruppo a olio di cocco era aumentato il livello di colesterolo buono (HDL), mentre l’olio di semi aveva ridotto l’HDL e aumentato l’LDL.

In questo studio l’olio di cocco non ha fatto perdere più peso rispetto all’olio di semi di soia, ma ha ridotto il grasso della pancia.

In un altro studio fatto su uomini obesi è stato evidenziato che 30 grammi di olio di cocco per 4 settimane riducevano il giro vita di 2,86cm (Leggi qui lo studio).

Ci sono anche altri studi che mostrano che i grassi a catena media favoriscono la perdita di peso, riducono il giro vita e migliorano il metabolismo (Leggi qui gli studi 1, 2).

Il grasso addominale è il grasso che raggiunge gli organi e crea infiammazione, diabete e malattie cardiache. Qualsiasi riduzione di questo grasso pericoloso ha effetti positivi su metabolismo e longevità, e riduce i rischi di malattie croniche.

Quindi l’olio di cocco può davvero migliorare la salute e far perdere peso, ma ovviamente va introdotto in un piano alimentare equilibrato e adatto alla tua costituzione perché funzioni bene.

Se ti interessa approfondire l’argomento, trovi qui altri studi sull’olio di cocco.

Quante calorie contiene l’olio di cocco?

I grassi contengono 9 calorie per grammo e l’olio di cocco non è un’eccezione.

In ogni caso aggiungere olio di cocco alla tua dieta ridurrà il tuo appetito e probabilmente ti farà mangiare minori quantità degli altri cibi. Non si tratta di aggiungere altre calorie alla tua dieta, ma di rimpiazzare alcuni grassi con l’olio di cocco.

E’ anche importante non esagerare. Non c’è bisogno di consumare tonnellate di olio di cocco per avere i benefici. Gli studi parlano di 2 cucchiai al giorno.

Sul Ricettario di Energy Training che ricevi gratis con il Programma di Trasformazione in 8 settimane trovi diverse ricette con l’olio di cocco.

Fonte:

http://authoritynutrition.com/coconut-oil-and-weight-loss/

Acquista l’olio di cocco su EnergyFoods


Condividi

Raffaella Scirpoli

Raffaella Scirpoli è una giovane Naturopata che da più di 3 anni collabora con Francesca nel programma Energy Training. Ha scoperto il mondo dell’alimentazione naturale solo pochi anni fa, ma è stato “amore a prima vista”. Seguendo i consigli di Francesca, di cui si considera l’allieva numero uno, ha stravolto le sue abitudini alimentari e si è sentita subito più energica, più consapevole e più sana.

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


Conosci il cibo che ti fa sentire “al massimo”
e quello che ti ruba energia e salute?
Fai il Test GRATIS
Se l’articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter
per ricevere GRATIS una “rassegna” settimanale
dei nuovi articoli, risorse utili e sorprese!
137.936 persone già iscritte
  1. ha commentato:
    -

    Buon giorno

    Sto usando l’olio di coco, e devo dire che mi piace tanto, ma nel processo di conservazione in frigor diventa troppo duro, c’è un’altra froma di coservazione???

    Grazie

    • ha commentato:
      -

      Non deve essere conservato in frigorifero.
      Basta che sia al buio in un mobile della cucina lontano da fonti di calore

      • ha commentato:
        -

        Sul barattolo dell’olio di cocco della Rapunzel c’è scritto di conservarlo in frigo.
        In effetti diventa duro come una pietra e ti fa perdere la voglia di consumarlo, a meno di non ricordarsi di uscirlo dal frigo almeno una mezz’ora prima. E non sempre ci si ricorda.

        • ha commentato:
          -

          Ciao Silvia,
          l’olio di cocco non può essere tenuto in frigo altrimenti non puoi consumarlo.
          Tienilo in un mobile della cucina,
          al buio e lontano da fonti di calore.
          Basta così.

          • ha commentato:
            -

            Grazie, seguirò volentieri il tuo consiglio.
            Cosa mi sai dire del burro di cacao bio? Tipologia di grassi? Ha lo stesso potere riscaldante del cioccolato?
            Grazie.

          • ha commentato:
            -

            Ciao Silvia!
            il burro di cacao bio e crudo è un buon grasso ma non ha le proprietà dell’olio di cocco.

            Però è una buonissima base per cioccolatini e dolci crudisti.

            Il potere tonico e riscaldante è nella polvere di cacao no nel burro.

      • ha commentato:
        -

        ciao vorrei provare per mio marito ma io ho comprato quello nel vasetto ed e denso come posso usarlo e quante volte grazie

        • ha commentato
          -

          Ciao Imma,
          piacere di conoscerti e benvenuta sul blog.
          Con il freddo l’olio di cocco è solido. Puoi mettere il vasetto in un pentolino con dell’acqua sul fuoco per farlo sciogliere un po’. L’ideale è consumarlo a crudo, ma puoi anche usarlo per saltare le verdure o nella cottura delle proteine. Puoi anche preparare dei dolcetti crudisti o usarlo con la frutta per ridurre l’impatto glicemico.
          Un caro saluto

    • ha commentato:
      -

      Di solito l olio di cocco a piu di 25 gradi si scioglie… io lo tengo in uno scaffale così che in estate diventi liquido e super facile da utilizzare ed in inverno diventa semi solido (facile da prendere tipo con il cucchiaio )

  2. ha commentato:
    -

    Ciao, trovo l’articolo molto interessante. Dove si trova l’olio di cocco? C’è qualcosa da sapere sul modo di estrazione per reperire un prodotto sano? Grazie!

    • ha commentato:
      -

      Ciao Rosanna,
      l’olio di cocco per essere sano deve essere estratto a freddo e biologico.

      Lo trovi nei negozi di alimenti naturali (per esempio natura si) oppure on line per esempio cacaopuro.com o cibocrudo.com

  3. ha commentato:
    -

    Grazie, interessantissimo! Dove posso trovare l’olio di cocco? Nei normali supermercati pensi che ci sia?
    Grazie 🙂

    • ha commentato:
      -

      Ciao Lidia,
      no l’olio di cocco deve essere estratto a freddo con sola pressione e biologico.
      Lo trovi nei supermercati o negozi biologici o su internet

    • ha commentato:
      -

      Ciao Lidia,sono Mimoza,l’olio di coco lo trovato nel Marchetti discount Di più, nel scaffale multinazionale e costa 2,99 euro 250 gr ed è come burro bianco.
      Buona notte e ti auguro di trovare.

      • ha commentato
        -

        Ciao Mimoza,
        piacere di conoscerti e benvenuta sul blog.
        Il fatto che sia così economico mi fa temere che sia di cattiva qualità.
        E’ olio di cocco biologico ed extravergine? Ottenuto a crudo?
        Un caro saluto

  4. ha commentato:
    -

    Ciao Francesca,
    mi chiedevo se fosse possibile farsi in casa l’olio di cocco, magari con un estrattore… 🙂

    • ha commentato:
      -

      Ciao Roberto,
      la vedo difficile perchè dovresti procurarti le noci di cocco fresche,
      che da noi non arrivano.

  5. ha commentato:
    -

    ciao Francesca, dici che mangiare la noce di cocco fa altrettanto bene?

    • ha commentato:
      -

      Da noi il cocco arriva non più fresco, è secco e molto meno nutriente.
      fossimo ai tropici capirei.
      Ma qui dobbiamo accontentarci dell’olio di cocco bio e crudo.

      • ha commentato:
        -

        Ciao, l’olio di cocco viene prodotto dalla separazione in acqua e olio del latte di cocco ovvero la crema di latte del cocco; quest’ultima si ricava grattugiando la polpa interna della noce di cocco, polpa che viene spremuta da uno speciale estrattore a pressione che separa il latte o crema dalla polpa. La polpa viene essiccata per essere utilizzata come fibra nella cucina orientale conservando anche secca il tipico aroma del cocco.
        Il latte o crema invece è una bevanda deliziosa che si beve fresca o conservata come il latte a lunga conservazione, con l’aggiunta di alcune farine vegetali addensanti neutre che ne mantengono la naturale cremosità intatta. Questo latte o crema non ha alcuna aggiunta di zuccheri o altri conservanti chimici ed è un prodotto vegano puro al 99,9%; questo prodotto è ideale per assumere olio di cocco nella dieta giornaliera, peccato che non arriva così sul mercato qui da noi, perchè di solito il latte di cocco che si trova sugli scaffali contiene molta acqua e zucchero e non ha quell sapore meraviglioso tutto da provare. Nei mercati ortofrutticoli orientali il latte di cocco può essere acquistato appena spremuto oppure in bottiglia refrigerata, infatti se lo si lascia a temperatura di ambiente, dopo circa sei ore, la parte grassa si separa dall’acqua e così anche il gusto prende altri sapori oltre all’aspetto che somiglia a quello del latte vaccino frottato.

        • ha commentato
          -

          Ciao Augusto,
          piacere di conoscerti e benvenuto sul blog.
          Grazie del tuo dettagliatissimo approfondimento.
          Un caro saluto

  6. ha commentato:
    -

    Vorrei sapere, con la posologia di 1 cucchiaio al mattino di olio di cocco, per quanto tempo può potrarsi questa assunzione. Sembra avere buoni risultati per me.

    • ha commentato:
      -

      Ciao Paola,
      puoi farlo in modo regolare.
      Può solo farti bene.
      Puoi prenderne anche più di un cucchiaio al dì.

      In genere la quantità di grassi sani a crudo deve essere di circa 4 cucchiai al dì o 5, tra olio evo, olio di cocco e ghee.

      • ha commentato:
        -

        Ciao a tutte per dimagrire come si deve assumere l olio di cocco? E se mangio la noce di cocco è uguale ? E per far bene alla salutr come devo usarlo?

        • ha commentato
          -

          Ciao Arianna,
          benvenuta sul blog.
          No, l’olio di cocco è meglio della noce di cocco intera, è solo la parte grassa estratta a freddo, più leggero e digeribile. Puoi introdurlo nella tua cucina sia a crudo (ad esempio al mattino con la colazione: frutta, frullati, bevande, per renderli più nutrienti e sazianti) sia in cottura. Il fatto che faccia perdere peso è un “effetto collaterale” dal momento che è un alimento che dà molta soddisfazione, quindi se lo aggiungi ai tuoi piatti ridurrà l’impatto glicemico dei carboidrati e ti permetterà di saziarti senza dover mangiare tanto.
          Un caro saluto

      • ha commentato:
        -

        Ciao Francesca ma per cucchiaio di olio di cocco si intende già liquefatto oppure un cucchiaio preso dal barattolo e quindi semi duro? Grazie mille.

        • ha commentato
          -

          Ciao Paola,
          in questo periodo, con il caldo, l’olio di cocco è liquido e puoi usarne un cucchiaio. Quando è semi duro puoi usarne un cucchiaio raso.
          Un caro saluto

      • ha commentato:
        -

        Scusa io lo sto prendendo con latte ma non so se va bene…cosa mi consigliate?

        • ha commentato
          -

          Ciao Tea,
          piacere di conoscerti e benvenuta sul blog.
          Elimina il latte, che è una bevanda pessima. Puoi prendere l’olio di cocco a crudo, usarlo per condire i piatti di proteine o verdure (sempre a crudo). Puoi usarlo per preparare dolcetti crudisti, sulla frutta cotta per arricchirla di grassi sani o per preparare uno Smart Cappuccino. Sul blog nella sezione “Ricette” trovi tantissime ricette con l’olio di cocco: http://www.energytraining.it/category/ricette/.
          Un caro saluto

  7. ha commentato:
    -

    Visto un problema di infiammazione ho iniziato una cura di 2 cucchiaio al giorno per 20gg poi passando ad un cucchiaio. Per quanto tempo posso andare avanti in considerazione che mi trovo bene?

    • ha commentato:
      -

      Non ci sono limiti e puoi proseguire.
      e’ un ottimo alimento quotidiano.

  8. ha commentato:
    -

    Ciao Francesca
    DI solito compro l’olio di cocco della marca Rapunzel, con etichetta blu, ma questa settimana ho comprato un grasso di cocco deodorato della marca Rapunzel, nel negozio biologico mi hanno detto che era lo stesso ma dopo in casa, non sono cosi convinta, oppure sera solo che il grasso che e di etichetta gialla è senza l’odore del cocco???, tu ne sai qualcosa???
    Grazie

    • ha commentato:
      -

      Ciao cara,
      meglio cercare il vero olio di cocco crudo.
      Chiedilo al negozio e se non possono prenotarlo ci sono diversi rivenditori online

    • ha commentato:
      -

      Ciao,
      l’olio di cocco deodorato è lo stesso olio di cocco di sempre, privato delle molecole che conferiscono l’odore tipico.
      Si tratta sempre dello stesso olio che in questo caso subisce un trattamento o una manipolazione che lo priva dell’aroma, pur rimanendo sostanzialmente integro.
      Va bene per le ricette speciali dove quell’odore tipico non è richiesto o perchè la sua tipica fragranza conferirebbe note olfattive non gradite in una preparazione tipica regionale.

      • ha commentato:
        -

        mi correggo:
        il processo di deodorizzazione rientra nella raffinazione, per cui l’olio non è più vergine o integrale (row)

  9. ha commentato:
    -

    Ciao Francesca, ma quali sono gli usi dell’olio di cocco?
    Va bene per condire o per cuocere o puo’ solo essere assunto a cucchiaini crudo?
    Grazie!

    • ha commentato:
      -

      Lo puoi prendere come vuoi: colazione, pranzo, con le verdure, con la frutta, per cuocere.
      e’ estremamente versatile.
      Il modo perfetto è crudo con verdura o frutta.

      • ha commentato:
        -

        Ciao, può essere assunto anche da solo, cioè dal vasetto alla bocca?

  10. ha commentato:
    -

    Ciao francesca io ho comprato l’ olio di cocco bio in un supermercato biologico….ma è solido anche fuori dal frigo!!! perchè?? mi hanno detto che è così….
    e poi altra cosa….vado da un’ erborista e mi dice che assolutamente non è sano da prendere perchè è un grasso saturo proprio come l’ olio di palma…mi potresti chiarire?? e l’ ho pure pagato abbastanza 🙁 grazie

    • ha commentato:
      -

      Ciao Anna,
      l’olio di cocco diventa solido se la temperatura esterna è bassa.
      Tende a diventare liquido se la temperatura esterna è alta.

      E’ un fatto naturale che va accettato così come è.

      a seconda se è solido o liquido dioserai la quantità giornaliera da consumare.
      Un cucchiaino quando è solido, un cucchiaio quando è liquido per porzione.

      Adesso è disponibile anche su http://www.energyfoods.it

      Ovviamente peccato per il tuo caro erborista, le sue conoscenze non sono aggiornate e risentono della vecchia impostazione che guardava ai grassi saturi come la “peste”!

      L’olio di cocco estratto a freddo e ovviamente bio, è un vero elisir di lunga vita, come spieghiamo nell’articolo in questione e all’interno del mio Programma.

      Buon olio di cocco!

  11. ha commentato:
    -

    Cara Francesca, io non ho bisogno di perdere peso o di aumentare il senso di sazietà: sono magra ed ho un buon appetito, semmai ho bisogno di prendere un pò di peso. L’olio di cocco va bene lo stesso? A questo punto come dosarlo? Utilizzo anche olio extravergine d’oliva alternato a quello di cocco. Grazie.

    • ha commentato:
      -

      Ciao silvia,
      tu hai bisogno di molti grassi saturi.
      Proprio per aumentare di peso e soprattutto nutrirti in profondità.
      Abbinali ai cereali integrali in chicchi, consumati dopo verdure e proteine.
      E consuma oltre all’olio di cocco anche e soprattutto il ghee (burro chiarificato).
      Abbinalo anche a spuntini di frutta.

      • ha commentato:
        -

        Francesca purtroppo il ghee, come anche il burro (soprattutto quello di capra), non riesco a mangiarli proprio……mi disgustano. Te ne ho parlato in un altro post di un altro articolo. Ho aumentato il consumo di uova, con albume cotto e tuorlo crudo. Ed ho inserito in settimana anche del salmone, anche se non amo particolarmente il suo sapore e la sua consistenza. Ma condito con molto limone riesco a mangiarlo. Se mangio troppa frutta la pancia lievita; abbinata ad un pochino di olio di cocco sembra andare un pò meglio. I cereali integrali senza glutine, ammollati con acqua e limone o aceto di mele e cotti a lungo con curcuma e cumino, li mangio regolarmente da molto tempo. Non consumo da parecchio ormai prodotti lievitati; solo di tanto in tanto dei biscottini fatti da me con farina di riso integrale, mela, carota e del cremor tartaro.

        • ha commentato:
          -

          Sostituisci il ghee con il burro biologico.
          Ma sono certa che molto gradualmente, quando avrai abituato i tuo corpo ai grassi,
          non ne potrai più fare a meno.

          • ha commentato:
            -

            Cos’è il ghee?

          • ha commentato
            -

            Ciao Anna,
            il ghee (o ghi) è burro chiarificato. E’ un prodotto che trovi nei negozi di alimenti naturali tipo NaturaSì.
            Un caro saluto

      • ha commentato:
        -

        Ho visto un video dove l olio di cocco aiuta a perdere peso. Ho comprato il barattolo e sto assumendo due cucchiaini al gg di olio. Nel video dicevano che aiutava anche per chi ha problemi di ipotiroidismo. Mi puoi dare alcune informazioni in merito? Grazie

        • ha commentato
          -

          Ciao Fabiana,
          sì, tra i benefici dell’olio di cocco c’è anche la perdita di peso e sicuramente i grassi sani come l’olio di cocco e il ghi sono utili in caso di ipotiroidismo, ma l’olio di cocco da solo non basta. Ovviamente va integrato in una dieta sana ed equilibrata.
          Un caro saluto

  12. ha commentato:
    -

    ciao francesca ho in casa una bottiglia di olio di cocco nella cui etichetta c’è scritto “pure coconut oil”. non so se sia bio, mi puoi aiutare?un’altra cosa, la bottiglia è stata aperta un anno fa e nel suo fondo ci sono tante palline bianche. che faccio? fammi sapere. grazie

    • ha commentato:
      -

      Puoi usarlo.
      L’importante per l’olio di cocco è tenerlo al buio.
      E che sull’etichetta ci sia scritto anche cold pressed or raw (spremuto a freddo o crudo)

      • ha commentato:
        -

        purtroppo non c’è scritto. la ditta che lo produce è KTC

        • ha commentato:
          -

          Non la conosco Silvia.
          se lo hai preso in un negozio bio dovrebbe essere buono.
          Cerca l’azienda in internet

  13. ha commentato:
    -

    Ciao Francesca,l’olio di cocco lo può consumare anche chi soffre iperlipidemia (ovvero chi ha il colesterolo e i trigliceridi alti?

    • ha commentato:
      -

      Certo Maria,
      perchè come spiego nel mio Programma in 8 settimane,
      il colesterolo alto e pericoloso, è quello ossidato.
      Causato dall’abuso di carboidrati (soprattutto farine e zuccheri raffinati) e di grassi trans (oli polinsaturi cotti, grassi idrogenati, grassi industriali e di cattiva qualità).
      I grassi saturi sani come olio di cocco, ghee (burro chiarificato), burro da latte crudo o burro bio di capra o di mucca da pascolo sono una vera delizia per il corpo.
      Nutrono in profondità il nostro cervello e le nostre cellule, ci donano forza e salute.
      Vanno consumati soprattutto crudi e sono perfetti con frutta fresca o con verdura e carboidrati complessi (cereali integrali in chicchi) di cui dimezzano l’impatto glicemico.
      e il nostro corpo di ringrazia.
      Devi solo permettere al tuo corpo di fare un processo di disintossicazione a livello del fegato.
      Che deve smettere di “lavorare a carboidrati” e deve iniziare a “lavorare a grassi”.
      Questo è un processo che si chiama chetosi e che richiede qualche settimana.
      In questo periodo puoi sentirti un pochino più pesante, con alito intenso e bisogno di bere.
      Più carboidrati hai mangiato nella tua vita più intensa sarà la purificazione.
      Usa l’erba di grano in polvere (un cucchiaino di acqua calda al mattino) che trovi su http://www.energyfoods.it per rinfrescarti e depurarti.
      Ma una volta passato questo tempo, ti sentirai pulita e disintossicata in profondità.
      Poi ci sono altri superfoods che possono aiutarti per il colesterolo alto.
      Guarda le loro schede su http://www.energyfoods.it

      E ovviamente ti aspetto nel Programma!

  14. ha commentato:
    -

    Ho comprato l’olio di cocco è un barattolo denso l’ho messo in frigo,ne ho preso due cucchiani sciogliendolo nell’acqua tiepida,nel limone, nella spremuta di arancia ma quando la bevo mi vengono i conati di vomito per l’odore intenso.Ti chiedo come devo fare ?lo prendo venti minuti prima di pranzare .Grazie .Annamaria

    • ha commentato:
      -

      Ciao Annamaria,
      innanzitutto non devi tenerlo in frigorifero, ma in un mobile della cucina al buio.
      Poi perchè vuoi prenderlo in questo modo, con sprenuta (che io non consiglio affatto perchè irrita lo stomaco).
      Devi inserirlo in un cibo, così va preso.
      Unito a frutta e superfoods a colazione o con verdura o cereale.
      Non mangiarlo da solo o prima dei pasti.
      Più cibi e spezie usi meno ne avvertirai il sapore.

      • ha commentato:
        -

        Ciao, perchè consigli di non prenderlo da solo e prima dei pasti? Fra i vari consigli in rete dicono proprio di assumerlo 20 minuti prima dei pasti

        • ha commentato
          -

          Ciao Daniele,
          piacere di conoscerti e benvenuto sul blog!
          Puoi prenderlo sia da solo a crudo, magari al mattino con una tazza di acqua calda, sia con una pietanza di carboidrati, per ridurne l’impatto glicemico. Ad esempio puoi usarlo sulla frutta a crudo o sulla verdura.
          Un caro saluto

          • ha commentato:
            -

            L’effetto dimagrante è uguale preso prima dei pasti o al mattino?

          • ha commentato
            -

            Ciao Daniele,
            sì. Ad ogni modo l’effetto dimagrante si ottiene soprattutto se unisci l’uso dell’olio di cocco a una dieta bilanciata, a basso contenuto di carboidrati.
            Un caro saluto

  15. ha commentato:
    -

    Per ovviare all’odore intenso del cocco.Come fare?

  16. ha commentato:
    -

    Ciao, volevo chiedere: io seguo una dieta proteica a zero carbo (anche se inevitabilmente qualche carboidrato lo si trova) a parte l’olio di cocco, posso utulizzare anche il cocco gratuggiato sciolto nello yogurt magro naturale o è meglio evitare? spesso vado in chetosi seguendo questo tipo di dieta!
    il cocco così come le mandorle ad esempio, fanno uscire dalla chetosi?
    grazie

    • ha commentato:
      -

      Ciao Lara,
      non sono particolarmente favorevole alle diete solo-proteiche.
      Portano affaticamento dei reni e invecchiamento precoce.

      Meglio applicare i principi di una alimentazione sana ed equilibrata,
      consumando le giuste quantità dei vari nutrienti valutando anche la qualità degli alimenti, la preparazione e l’ordine di assunzione nel pasto.

      Molto più importanti sono i grassi sani assunti a crudo.

      Ora dopo queste premesse, l’olio di cocco è perfetto, ma vanno integrai anche burro e soprattutto ghee (burro chiarificato).

      Mentre lo yogurt ha molti effetti collaterali piuttosto insidiosi, soprattutto a lungo termine.

      Ora la chetosi è un proceso naturale iniziale quando passi dal grande consumo di carboidrati al consumo di grassi sani.
      Nel giro di 20 giorni circa si compie e non dà più fastidio.

      Mentre quello che tu denunci è un affaticamento del fegato che potrebbe non essere salutare.

      Se desideri maggiori informazioni a riguardo, mi trovi nel Programma.

  17. ha commentato:
    -

    Ciao Francesca,
    vorrei gentilmente sapere se olio di cocco e burro di cocco sono due prodotti distinti o sono la stessa cosa poichè ho letto dai commenti che l’olio lasciato in frigo solidifica; inoltre nel negozio bio (ben fornito) in cui mi reco mi hanno detto di avere solo l’olio. Ho visto in rete ricette per fare il burro in casa….cosa ne pensi ? Hai una ricetta ?
    Inoltre, la farina di cocco è il cocco in scaglie tritato finemente o sono prodotti diversi ?
    Grazie e un caro saluto

    • ha commentato:
      -

      Ciao Donatella,
      allora olio e burro non sono la stessa cosa.
      il burro è meno digeribile perchè contiene un pò della polpa.
      Mentre l’olio è infinitamente più salutare ed è un vero elisir.
      Questo che noi abbiamo sul nostro sito di prodotti salutari, è davvero di qualità eccellente: http://www.energyfoods.it/

      L’olio non si conserva in frigorifero ma va conservato a temperatura ambiente, al buio.

      Entrambi solidificano quando fa freddo e diventano liquidi quando fa caldo.

      Ma mentre l’olio puoi usarlo quotidianamente e con tutti gli alimenti, sia dolci che salati, il burro è più pesante e mal si accompagna con cibi salati e non è adatto ad un uso quotidiano.

      Non puoi prepararti il burro da te perchè non hai il cocco fresco e in secondo luogo è bene prendere olio estratto a freddo e biologico.

      Farina di cocco e cocco rapè non sono la stessa cosa.
      Il cocco in scaglie puoi usarlo in diverse ricette mentre la farina è sottilissima e puoi usarla in alternativa alla farina ma non è facile da maneggiare.
      Crea un impasto molto friabile che non lievita, molto molto pesante.
      Ne puoi aggiungere magari una piccola percentuale al resto di farina senza glutine per creare biscotti, ecc.

  18. ha commentato:
    -

    Lo sciolgo a bagno maria va bene o erro? Grazie gentilmente !

    • ha commentato:
      -

      Ciao Rosetta,
      l’olio di cocco non va in frigorifero!
      Così puoi tenerlo al buio in cucina ed usarlo solido
      con il cucchiaino.

      Poi in estate naturalmente diventerà liquido
      e lo userai così.

  19. ha commentato:
    -

    Ciao! Io soffro di obesità, vorrei sapere se assumere l’olio di cocco potrebbe aiutarmi. Ovviamente sto iniziando già a seguire una corretta alimentazione. Si può usare solo per un breve periodo? Grazie

    • ha commentato:
      -

      Ciao Federica,
      l’olio di cocco come pure ghee e burro bio,
      possono aiutarti tantissimo.
      Aumentando il senso di sazietà, la soddisfazione, favorendo la diminuzione calorica,
      dimezzando l’impatto glicemico.
      Devono essere presenti nella tua alimentazione quotidiana almeno 4 cucchiai di questi grassi.
      Distribuiti nel 3 pasti.
      Che ovviamente devono essere equilibrati e ben bilanciati.
      Se vuoi ti aspetto nel Programma per lavorarci insieme.

  20. ha commentato:
    -

    che differenza c’è fra olio di cocco e olio di palma?

    • ha commentato:
      -

      Ciao Valeria,
      se paragoni i due oli vergini e integrali,
      estratti a freddo e biologici.
      Sono molto simili ed hanno entrambi straordinarie proprietà.

      Il problema è che l’olio di palma così di buona qualità,
      è introvabile da noi.
      Non arriva assolutamente in Europa.

      Qui trovi solo la versione tossica e raffinata, usata spesso nell’industria alimentare,
      sia convenzionale che biologica.
      Ed è un prodotto che non va usato.

  21. ha commentato:
    -

    “In uno studio è stato evidenziato che 15-30 grammi (da 1 a 2 cucchiai) di acidi grassi a catena media al giorno aumentavano il dispendio energetico del 5%, per un totale di 120 calorie al giorno”

    Attenzione: Lo studio parla di 500Kj corrsispondenti ovviamente a circa 120 KILO calorie.

    • ha commentato
      -

      Ciao Filippo,
      grazie della segnalazione.
      Già corretto.
      Un caro saluto

  22. ha commentato:
    -

    Ciao,
    Nei negozi etnici si trovano bottiglie di olio di cocco (spesso usato per impacchi ai capelli), va bene quello?

    • ha commentato:
      -

      Ciao Giulia,
      non comprare l’olio di cocco dei negozi etnici.
      Quello è senza dubbio raffinato e di cattiva qualità.
      Deve essere “crudo” cioè estratto a freddo e bio.
      Lo trovi qui: http://www.energyfoods.it

    • ha commentato:
      -

      Ciao Giulia,
      non comprare l’olio di cocco dei negozi etnici.
      Quello è senza dubbio raffinato e di cattiva qualità.
      Deve essere “crudo” cioè estratto a freddo e bio.
      Lo trovi qui: http://www.energyfoods.it

  23. ha commentato:
    -

    L’ho appena comprato marca Rapunzel. Volendolo usare per accelerare il metabolismo quale e’ la dose giornaliera da assumere e quando e’ meglio assumerlo? Grazie.

    • ha commentato:
      -

      Ciao Sabrina,
      puoi usarlo a colazione.
      O con piccoli spuntini di frutta.
      Da 1 a 2 cucchiai al dì.
      Va anche molto bene con verdura o cereali.

  24. ha commentato:
    -

    ciao 🙂 piacere emanuela .
    Ho letto consigli molto intetessanti e l ho appena acquistato perchè sto seguendo una dieta ipocaloria e poichè soffro la fame negli spuntini principali della giornata,nonche ore 11 e 17,volevo provarlo per testare questo senso di sazietà che da quest olio.
    Nella mia dieta ho 10gr di olio d oliva rispettivamente si a pranzo che a cena , va bene se lo sostituisi totalmente con quello di cocco e magari lo distribuissi a colazione e a pranzo?

    • ha commentato
      -

      Ciao Emanuela,
      piacere di conoscerti!
      Purtroppo le diete con pochi grassi (come quella che stai facendo) sono molto pericolose e sono anche molto faticose da seguire perchè generano un continuo senso di fame e di stanchezza.
      Devi aumentare la dose di grassi sani, l’olio di cocco è ottimo per questo, e devi anche migliorare il bilanciamento degli altri nutrienti, dando più importanza a qualità del cibo, cottura e ordine delle pietanze.
      Il Programma di Trasformazione, con il coaching di Francesca, può aiutarti a chiarire concetti preziosi ed indispensabili, a seguire la strada più adatta a te e a perdere peso restando in salute.
      Un caro saluto

  25. ha commentato:
    -

    Ciao …Francesca ..mangio tutte le mattine un yogurt magro con 3 fette biscottate con un velo di marmellata senza zucchero e una tazza di tè verde ..l olio di cocco posso metterlo nell yogurt ?? Va bene questo tipo di colazione per rimanere in forma ..mi piacerebbe cambiare ma non posso mangiare nessun tipo di cereali e prodotti integrali …ti ringrazio

    • ha commentato
      -

      Ciao Pina,
      il tè verde va bene, ma il resto no.
      Le fette biscottate bloccano la digestione, ti rallentano e non ti danno nessuna energia per affrontare la giornata. Lo yogurt è squilibrato, crea calore e potrebbe gonfiarti, ed è una pessima idea mettere l’olio di cocco nello yogurt.
      Il nostro consiglio è preparare una colazione a base di frutta: una piccola macedonia con un frutto (leggermente cotto se hai costituzione fredda) tagliato a pezzetti, condito con un pizzico di sale e spezie (curcuma, vaniglia, cannella e anice).
      Aggiungi 1 cucchiaio di olio di cocco e bacche di goji. In questo modo ti sentiresti soddisfatta, carica e in forma. Ci sono anche altri tipi di colazione: porridge, crema budwig, smart cappuccino…
      Se fai il questionario e entri nel Programma ti sarà più facile, con la guida di Francesca, capire qual è la colazione perfetta per te.
      Un caro saluto

  26. ha commentato:
    -

    Ciao Raffaella … la crema budwig e il porridge sono con i cereali ??? Io non posso mangiarli ….

    • ha commentato
      -

      Ciao Pina,
      il porridge sì, contiene cereali, quindi non puoi mangiarlo. La nostra Crema Budwig rivisitata, invece, non contiene cereali, ma solo semi di zucca e lino, grassi e frutta. In ogni caso per te potrebbe andare bene anche la macedonia di frutta e superfoods. Dipende tutto dalla tua costituzione e dall’energia che ti serve al mattino…
      Un caro saluto

  27. ha commentato:
    -

    Ciao Raffaella ..mi hai consigliato la crema di budwig rivisitata ..con semi di zucca ..come devo eseguire la ricetta ??? Va bene come colazione leggera …devo perdere qualche chilo ….ti ringrazio

    • ha commentato
      -

      Ciao Pina,
      la ricetta completa della Crema Budwig è nel Ricettario di Base di Energy Training, che ricevi quando ti iscrivi al Programma di Trasformazione in 8 Settimane (non sarebbe giusto nei confronti degli iscritti rivelarla qui). Va bene per tutte le costituzioni, ma Francesca fa delle variazioni in base alla persona che ha di fronte. Questo è il genere di consigli che gli iscritti le chiedono durante il coaching mensile. Ottime colazioni alternative sono la macedonia di frutta, di cui ti ho parlato in un precedente commento, o un frullato di frutta, superfoods e poca acqua, senza zuccheri aggiunti e senza cereali o latte di cereali. Sono tutte alternative leggere ed equilibrate.

  28. ha commentato:
    -

    Ciao ..scusami per la richiesta della ricetta …non ho pensato ….ti ringrazio per gli ottimi consigli …b lavoro

  29. ha commentato:
    -

    Ciao ..scusami per la richiesta della ricetta …non ho pensato ….ti ringrazio per gli ottimi consigli …b lavoro

    • ha commentato
      -

      Figurati, nessun problema.
      Un caro saluto e alla prossima!

  30. ha commentato:
    -

    Salve Francesca,

    il mio olio di cocco con il caldo di questi giorni si è completamente sciolto nel barattolo e lo è ancora, posso ancora utilizzarlo?

    • ha commentato
      -

      Ciao Jacopo,
      certo che puoi usarlo.
      E’ normale che in estate, con il caldo, sia liquido.
      Un caro saluto

  31. ha commentato:
    -

    Salve ,ho letto molti commenti,ma non sono riuscita a capire come possiamo e quando assumerlo,a me piace molto da solo e ne prendo un cucchiaio prima dei pasti….va bene?

    • ha commentato
      -

      Ciao Paola,
      puoi usarlo in tanti modi diversi:
      – per saltare la verdura in padella
      – per le cotture in forno
      – per preparare dolcetti crudi e torte
      – nelle macedonie di frutta per arricchirle di grassi sani
      – a crudo in piatti di cereali o verdure
      – nei frullati e nel porridge
      – per cucinare la carne
      – nelle vellutate di verdura, prima di frullarle
      – se lo preferisci, puoi anche prenderlo come integratore, come stai facendo: un cucchiaio prima dei pasti
      L’olio di cocco è meraviglioso anche per uso esterno, per preparare oli da massaggio, deodoranti, trattamenti per capelli…
      Un caro saluto

      • ha commentato:
        -

        ciao Raffaella,sono abbastanza fuori forma,avrei finalmente deciso di iniziare a invertire la rotta,potresti darmi qualche dritta su come procedere , e con che cosa sopratutto,grazie.

        • ha commentato
          -

          Ciao Antonello,
          la cosa migliore che puoi fare è entrare nel Programma di Trasformazione e farti guidare da Francesca, che può darti un piano efficace e su misura per te.
          Puoi farlo da qui: http://www.energytraining.it/presentazione/
          Un caro saluto

  32. ha commentato:
    -

    Ciao Francesca ..per calmare il miei attacchi di fame ..posso usare l olio di cocco ho letto che da un senso di sazietà ..quanti cucchiaini posso usare al giorno ??? Posso farlo tutti i giorni e come usarlo …ti ringrazio

    • ha commentato
      -

      Ciao Pina,
      sì, l’olio di cocco, come gli altri grassi sani, dà molta soddisfazione. Puoi consumarne 2-3 cucchiai al giorno.
      Puoi usarlo a crudo a colazione con la frutta o in un frullato, oppure puoi usarlo come olio da cottura per saltare la verdura, cuocere carne e pesce, e così via.
      Un caro saluto

  33. ha commentato:
    -

    Un saluto a tutto il gruppo di energy training, che stimo molto per il lavoro che stanno facendo.
    Ennesimo articolo interessante e referenziato scientificamente.
    Io utilizzo olio di cocco nei frullati la mattina. Mi piace conservarlo in frigorifero; infatti, anche se solidifica, per me riesce sempre ad essere utilizzabile. Ritengo meno comodo il consumo nello stato liquido (soprattutto d’estate)…
    In questi commenti ho letto più volte che va conservato a temperatura ambiente al buio.
    Chiedo: conservandolo in frigo se ne perdono proprietà , oppure è semplicemente sconsigliato per praticità? P.S. Faccio lo stesso con il ghee.
    Grazie.

    • ha commentato
      -

      Ciao Marco,
      puoi tenerlo in frigorifero senza problemi, non si deteriora.
      Un caro saluto

  34. ha commentato:
    -

    Salve, vorrei sapere come assumere l’olio di cocco durante l’arco della giornata per poter avviare un dimagrimento, e se effettuando un digiuno si può introdurre qualche cucchiaio di olio di cocco durante le ore di digiuno, tipo un cucchiai la mattina appena sveglia, e un cucchiaio nell’ora del pranzo. Grazie anticipatamente della risposta.

    • ha commentato
      -

      Ciao Cecilia,
      aggiungi 2 cucchiaini con la colazione, 2 a pranzo e due a cena. In caso di digiuno completo o di giornata di sole mele puoi 1 cucchiaino di olio di cocco con ogni mela (6 in tutto nella giornata) o 4-6 cucchiaini al giorno ad intervalli regolari con acqua calda.
      Un caro saluto

  35. ha commentato:
    -

    Ciao per quanto riguarda la colazione, avendo una costituzione fredda e volendo perdere peso, è meglio un porridge ( 2 cucchiai rasi di fiocchi senza glutine) con spezie superfoods e olio di cocco.. Oppure meglio un frutto con spezie superfoods e olio di cocco??..perché ho la sensazione che il frutto mi crei gonfiore..!!
    Grazie

    • ha commentato
      -

      Ciao Roberta,
      sarebbe meglio il frutto del porridge per perdere peso. Sei sicura che il frutto ti gonfi più del porridge? Bisognerebbe capire meglio…
      In ogni caso, come ti ho risposto anche all’altra domanda, nel coaching Francesca potrebbe aiutarti molto di più…

  36. ha commentato:
    -

    Scusa Raffaella ma mi chiedevo la frutta non contiene più zuccheri rispetto a due cucchiai scarsi di fiocchi di cereale senza glutine ??..per il resto della giornata non faccio spuntini e il mio pranzo e la mia cena sono costituiti da una bella porzione di verdure cotte – proteine e grassi ..scusa e grazie

    • ha commentato
      -

      Ciao Roberta,
      se il porridge lo fai quasi salato, senza aggiungere semi o frutta secca, ma solo spezie e superfoods va bene lo stesso per non prendere peso. Il porridge è una colazione più calmante e nutriente, il frutto è più leggero. Scegli quello che ti soddisfa di più, che ti fa arrivare fino al pranzo e che non ti gonfia.
      Un caro saluto

  37. ha commentato:
    -

    Ciao Francesca scrivi che bisogna abituare il corpo a “lavorare” a grassi e no a carboidrati..Mi chiedevo la frutta non rientra nei carboidrati ??
    Per favorire il processo di chetosi andrebbe eliminata??
    Io mangio una piccola Mela riscaldata a colazione alternandola ai cereali senza glutine .. Grazie

    • ha commentato
      -

      Ciao Roberta,
      sì, la frutta rientra nei carboidrati, ma se non ne abusi e la mangi solo una volta al giorno con olio di cocco per ridurre l’impatto glicemico va bene. In genere Francesca consiglia di astenersi da qualsiasi tipo di carboidrato, e quindi anche dalla frutta, solo in casi particolari (ad es. forti dipendenze da zuccheri).
      Un caro saluto

  38. ha commentato:
    -

    Ciao,volevo sapere ho visto alcune ricette online su come fare il burro.di cocco in casa,una ricetta prevede di usare solo farina di cocco grattuggiata,mettendola nel robot da cucina e aspettare fino a che le fibre del cocco non si rompono,poi metterlo in frigo e lasciarlo solidificare per 24 ore,puo’ andare bene questa ricetta?
    Grazie mille

    • ha commentato
      -

      Ciao Michela,
      no, questo tipo di burro di cocco non fa assolutamente bene. Magari può essere usato come “panna” da cucina una volta ogni tanto per la preparazione di qualche ricetta, ma l’olio di cocco biologico e premuto a freddo (quello che contiene tutte le sostanze nutritive) è tutta un’altra cosa: è la spremitura a freddo di noci di cocco fresche (che da noi non arrivano).
      Un caro saluto

  39. ha commentato:
    -

    Come sempre 1000 grazie Raffaella ..
    Scusa ma io mi chiedevo il processo di chetosi ( che contribuisce al dimagrimento ).. Si ottiene anche mangiando 1 solo frutto al giorno alternato a due cucchiai di cereali integrali senza glutine ( per la colazione).. Sempre insieme a olio di cocco e superfoods??..
    Mentre per pranzo e per cena verdure / proteine / Grassi ..
    Grazie

  40. ha commentato:
    -

    Ciao! Com’è il latte di cocco? Posso mangiarlo durante o dopo il pasto (al posto del dolce)? Grazie.

    • ha commentato
      -

      Ciao Giada,
      l’acqua di cocco non è male, ma va bene per preparare alcuni tipi di dolci, non da bere durante i pasti come bibita.
      Meglio evitare. A fine pasto la cosa migliore è una tisana digestiva e come bevande solo acqua, tè e tisane lontano dai pasti.
      Un caro saluto

  41. ha commentato:
    -

    Buongiorno,a casa ho.il burro di cocco della marca”cibo crudo” volevo sapere se lo posso usare anche nei dolci al posto del burro normale,e se nella ricetta chiedono 150 grammi di burro normale,devo mettere la stessa quantita’ di burro di cocco o di meno? Il burro di cocco lo posso usare per cucinare quotidianamente? Grazie mille

    • ha commentato
      -

      Ciao Michela,
      il burro di cocco è molto pesante e spesso indigesto perché contiene sia i grassi che la polpa del cocco. Non lo consigliamo. Al massimo puoi finire la confezione usandolo a crudo con la colazione (frutta, frullati ecc.), ma poi non acquistarlo più. Nei dolci puoi sostituire il burro con l’olio di cocco che è più leggero ed equilibrato, ma devi fare qualche prova per capire qual è l’esatta quantità per la tua ricetta.
      Un caro saluto

  42. ha commentato:
    -

    Mi sono resa conto che un solo cucchiaio di LATTE di cocco mi gonfia terribilmente: può essere allergia? Devo evitare anche l’olio di cocco? Grazie!

    • ha commentato
      -

      Ciao Giada,
      non è detto che il gonfiore sia dato dal cocco. Il latte è diverso dall’olio di cocco, che è molto leggero, naturale e ottenuto da premitura a freddo.
      Bisogna capire quali sono gli ingredienti contenuti nel latte di cocco che hanno potuto darti gonfiore (è solo acqua di cocco? E’ latte di riso e cocco? Contiene oli vegetali?).
      Un caro saluto

      • ha commentato:
        -

        No no, si tratta proprio del latte di cocco di Rapunzel, quello estratto dalla polpa del frutto.

        • ha commentato
          -

          Ah, ho capito, ho capito.
          Può essere che ti dia fastidio perché contiene anche la polpa del cocco (che è pesante e potrebbe essere indigesta). E’ come se fosse polpa di cocco più acqua di cocco.
          L’olio invece è solo la parte grassa del cocco.
          Fai delle prove e se anche con l’olio riscontri questo problema forse vuol dire che davvero non tolleri il cocco e hai una “reazione allergica”.

  43. ha commentato:
    -

    Ciao a tutte,

    grazie per l’articolo. Ho da poco avuto una discussione col mio fidanzato che sostiene che mangiare un cucchiaio di olio di cocco da solo prima di colazione e prima di cena non e’ benefico per la salute. Ha quindi ragione a dire che deve essere consumato in congiuzione con altri cibi oppure posso continuare a “bere” i miei 2 cucchiai al giorno?

    Grazie in anticipo!

    • ha commentato
      -

      Ciao Denise,
      non ci sono controindicazioni nel prendere un cucchiaio di olio di cocco a digiuno.
      Puoi però anche usarlo in cottura o metterne un cucchiaio a crudo sulla frutta o per preparare dolci crudisti per ridurre l’impatto glicemico.
      Un caro saluto

  44. ha commentato:
    -

    Ciao mi chiamo Monica ho letto l’articolo dei benefici dell’ olio di cocco volevo sapere dove posso acquistarlo? nei negozi bio tipo NATURA SI’? ma e’ in bottiglia o in capsule? perche’ io lo vorrei usare per condire in sostituzione dell’olio extravergine d’oliva.
    Grazie in anticipo per la risposta.

    • ha commentato
      -

      Ciao Monica,
      puoi acquistarlo nei negozi di alimenti naturali, tipo Naturasì. O anche online, ad esempio su Energy Foods, che è il nostro shop di alimenti naturali e superfoods: http://www.energyfoods.it/articolo/87-olio-di-cocco.asp. E’ in barattolo di vetro, in estate è liquido, in inverno è cremoso/solido. Puoi usarlo come un normale olio, a crudo o in cottura.
      Un caro saluto

  45. ha commentato:
    -

    Salve ! Ho acquistato l’olio di cocco e vorrei sapere se posso metterlo nella tisana ( mattina e sera )Grazie per tutte le informazioni………

    • ha commentato
      -

      Ciao Martina,
      puoi metterlo nella tisana. Puoi anche preparare una bevanda energizzante usando come base la tisana e aggiungendo superfoods (come maca e acai) e olio di cocco. Noi consigliamo anche di usarlo a crudo sulla frutta (fresca o cotta tagliata a pezzetti), nel porridge o anche per cuocere gli alimenti (ad esempio per saltare la verdura o nella cottura di carne e pesce).
      Un caro saluto

  46. ha commentato:
    -

    Salve volevo conoscere le differenze nutrizionali tra olio e farina di cocco…..

    • ha commentato
      -

      Ciao Francesco,
      l’olio è solo la parte grassa del cocco, che poi è quella che ci interessa e contiene tutte le sostanze nutritive preziose. La farina è la polpa disidratata, quindi è la parte del frutto meno grassa, secca e disidrata. Può essere utile nella pasticceria ma non contiene i nutrienti dell’olio.
      Un caro saluto

  47. ha commentato:
    -

    Un cucchiaino di olio di cocco si può assumere in qualsiasi ora del giorno e da solo?

    • ha commentato
      -

      Ciao Damiano,
      benvenuto sul blog. Sì, si può prendere anche da solo e a qualsiasi ora.
      Un caro saluto

  48. ha commentato:
    -

    Avevo letto una tua ricetta con olio di cocco e Philadelphia magro, ma non la trovo più . Potresti gentilmente riscriverla. Grazie.

  49. ha commentato:
    -

    Salve, mi chiamo Raffaella e sto combattendo da più di un anno contro la candida intestinale, premetto che soffro di gluten sensitivity e che la candida si è scatenata dopo essere stata inserita in un progetto denominato “glutox”, per verificare la tollerabilità del glutine in soggetti sensibili. Dopo essermi curata con la medicina convenzionale, ho deciso di utilizzare i metodi naturali e sono venuta a conoscenza dell’ olio di cocco che contenendo acido caprilico aiuterebbe a sconfiggere questo fungo. Premetto che ormai seguo una dieta con pochi zuccheri, lieviti e carboidrati, e che ho assunto sino a pochi giorni fa l’ estratto al mallo di noce nera che non può essere assunto per lungo tempo, a tal proposito vorrei sapere, come, per quanto tempo e in che quantità assumere l’olio di cocco, a stomaco pieno o vuoto? Avendo letto posologie che variano dai 3 cucchiai, o 4 cucchiaini al giorno, al momento ne sto assumendo 2 cucchiaini a stomaco vuoto, sbaglio? Grazie e chiedo scusa per essermi dilungata.

    • ha commentato
      -

      Ciao Raffaella,
      piacere di conoscerti e benvenuta sul blog.
      L’olio di cocco aiuta, ma è importante impostare un’alimentazione di base corretta per sconfiggere la candida.
      Abbiamo parlato di candida in questo articolo, dove trovi tutti i migliori rimedi: http://www.energytraining.it/candidosi/. Hai fatto bene ad eliminare zuccheri, lieviti e carboidrati, che sono i principali responsabili di questo problema.
      Ad ogni modo 1-2 cucchiaini di olio di cocco al mattino, a stomaco vuoto vanno bene.
      Un caro saluto

  50. ha commentato:
    -

    Buongiorno, scusate, io per sbaglio, ho comprato purea di cocco, va bene lo stesso? Come posso usarlo? Grazie.

    • ha commentato
      -

      Ciao,
      no, è diverso dall’olio, è un po’ più pesante. Puoi usare la polpa di cocco per preparare dei dolcetti crudisti o metterne un cucchiaio nei frullati di frutta ogni tanto.
      Un caro saluto

  51. ha commentato:
    -

    ciao francesca, sono Salvatore, per caso mi sono imbattuto in questo sito che trovo molto interessante, faccio presente che soffro della tiroide di hashimoto e che da un po’ di tempo cerco di fare una dieta che mi aiuta ad accellerare il metabolismo, tengo a precisare che da circa due anni vivo in svizzera e grazie ad ua dottoressa omeopatica ho intrapreso una terapia naturale considerando che da quando mi é stata diagnosticata la tiroide di hashimoto nel 2009 avevo iniziato un percorso terapeutico con l’eutirox fino ad avere la dose giusta,da allora la mia vita e cambiata totalmente, ogni giorno mi vedevo sempre piu gonfio, aumentavo di chili giornalmente fino ad arrivare ad un peso di 115 kili, ma il problema piu grosso era il fatto che non potevo fare 10 passi per l’affanno, fino a giugno 2015 dovevo aiutare le gambe con le mie mani per salire ad una scala, grazie a questa dottoressa oggi non prendo tutti i giorni l’eutirox e a periodi non lo prendo per niente, pero’ ce il dottore di famiglia che continua a dirmi che devo prendere per forza l’eutirox, io sono convinto diversamente consiterando che con um po’ di attivitä fisica e assumendo cibo piu equilibrato sono dimagrito di 22 kili, ma nell’arco di sei otto mesi ne ho recuperati circa dieci, spesso sono molto stanco e dormo molto e questo non mi tranquillizza , so che devo assumere dello iodio tramite il cibo e consumare cibo che aiuta ad accellerare il metabilsmo, faccio molto uso la mattina di frullato di frutta con avocado, banana , mandorle e jogurt , verdure a foglia larga , vorrei intraprendere una dieta per risvegliare le ghiandole tiridee o quanto meno di evitare ad assumere pillole o medicine chimiche

    chiedo scusa di avermi allungato cosi’ tanto………….ma vorrei migliorare la mia salute, grazie in anticipo

    • ha commentato
      -

      Ciao Salvatore,
      piacere di conoscerti e benvenuto sul blog.
      Francesca mi ha detto che lavorerebbe volentieri con te all’interno del Programma. Il segreto è fare una dieta che metta completamente a riposo l’insulina in modo da non creare disturbo alla tiroide e diminuire il peso. Sicuramente quello che mangi non ti aiuta. Se vuoi puoi farlo con l’aiuto di Francesca attraverso il coaching e introducendo nuove abitudini di vita.
      Un caro saluto

  52. ha commentato:
    -

    Ma si può assumere a crudo? Quindi “bevendo” due cucchiai di olio?

    Grazie

    • ha commentato
      -

      Ciao Poldino,
      piacere di conoscerti e benvenuto sul blog.
      Sì, è crudo, extravergine e biologico, quindi va bene.
      Un caro saluto

  53. ha commentato:
    -

    Ho comprato l’olio di cocco della Rapunzel. C’è scritto ‘100% olio di cocco da agricoltura biologica’, quindi bene.
    Ma dove spiegano come è stato ottenuto c’e scritto ‘Le noci di cocco fresche appena raccolte vengono sminuzzate ed essiccate, prima che venga spremuto l’ olio di cocco puro.’
    Questo significa che non è spremuto a freddo?
    Inoltre non credo ci sia scritto ‘vergine’ da nessuna parte.. Non va bene quindi?

    • ha commentato
      -

      Ciao Fede,
      è meglio che sia extra-vergine. Per quanto riguarda la premitura, dovrebbe essere a freddo, ma ovviamente noi abbiamo certezza solo sul nostro olio e non possiamo garantire quello degli altri.
      Un caro saluto

  54. ha commentato:
    -

    Ciao, si può assumere l ‘olio di cocco anche se si vuole dimagrire,e va bene aggiungerlo anche ad altri grassi gia contenuti nelle pietanze sane – uova, salmone ecc-?

    • ha commentato:
      -

      Ciao Roberta,
      l’olio di cocco puoi consumarlo tranquillamente anche se vuoi dimagrire e puoi aggiungerlo agi alimenti che hai citato a seconda del tuo gusto. Puoi alternare l’olio di cocco con il ghee. Un caro saluto

  55. ha commentato:
    -

    Ciao,
    Ho una costituzione tendenzialmente fredda e ho notato che digerisco con difficoltá la polpa del cocco fresco e la sua acqua. Perciò, mi chiedo, può essere che l’olio di cocco non sia cosí benefico per me? O magari sono altre sostanze presenti nel cocco integro che mi affaticano e annebbiano?
    Grazie di cuore 🙂

    • ha commentato:
      -

      Ciao Angela,
      quello di cui parliamo è olio di cocco che se acquistato crudo e di buona qualità, non presenta problemi di digeribilità che potrebbe dare la polpa mangiando il frutto che da noi purtroppo è difficile che sia fresco e veramente naturale. Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico