Come prevenire e trattare le allergie in modo naturale4 min read

Allergie

Condividi


Le allergie sono una risposta anomala del sistema immunitario, che riconosce come nocive alcune sostanze che in realtà non lo sono e, per difendersi, libera sostanze molto attive che lo irritano, come l’istamina, e che provocano per questo diversi disturbi (gonfiore della laringe, degli occhi, orticaria, difficoltà respiratorie).

Quali sono le cause delle allergie?

I disturbi di tipo allergico in genere cominciano dall’infanzia o si verificano in seguito a causa dell’alimentazione scorretta della mamma in gravidanza.

Nella maggior parte dei casi, la causa principale sono errori alimentari fatti in passato, come la precoce esposizione dei figli a cibi molto diversi dal latte materno e il consumo eccessivo di cibi industriali da piccoli (merendine, succhi di frutta, e così via), che alterano il normale funzionamento del sistema immunitario.

Altre cause delle allergie sono le vaccinazioni anti-epatite (le proteine assunte in tenera età attraverso i vaccini alterano il nostro sistema immunitario, facendo nascere allergie) e il fumo di sigarette, che rende le mucose più sensibili, per cui anche queste andrebbero evitate.

Cosa si può fare, invece, quando già si soffre di allergie?

Innanzitutto, ovviamente, dopo aver individuato con le prove allergiche la sostanza a cui sei sensibile, tienitene a distanza e, se si tratta di un alimento, sospendilo in modo drastico (anche in via permanente, se l’allergia è forte).

Poi, ci sono dei cibi che, di per sé, peggiorano qualsiasi sintomo allergico, e che quindi vanno assolutamente evitati.

Sono il latte e i derivati (che, stimolando una produzione eccessiva di muco, mettono in pericolo le nostre mucose) e i pomodori, le fragole, le arachidi e i pesci di grandi dimensioni (come il tonno), che sono ricchi di istamina.

Inoltre ecco altri suggerimenti:

  • Elimina i cibi altamente trasformati e i cibi spazzatura carichi di zucchero.
  • Evita l’esposizione a indumenti di lana e alla polvere, perché sprigionano sostanze inalanti che stimolano la risposta eccessiva delle difese.
  • Evita di far asciugare i vestiti all’aperto nei periodi in cui rischiano di riempirsi di polline.
  • Fai una dieta equilibrata con verdure, proteine e cereali integrali in chicchi conditi con spezie e pochi grassi a crudo. Ti aiuterà a disintossicarti e alleggerirti.
  • Il miele crudo integrale ha una grandissima capacità di ridurre le allergie o di sbarazzarsene quindi, se non hai una costituzione troppo calda prova a introdurne un cucchiaio al mattino nei periodi di maggiore rischio di allergia.
  • L’aceto di mele è un antico rimedio che dà sollievo alle allergie (e sollievo al bruciore di stomaco). Ha la capacità di ridurre la produzione di muco e di ripulire il sistema linfatico. Mescola un cucchiaino di aceto di mele in un bicchiere d’acqua e bevilo tre volte al giorno.
  • Il tè di ortica è un antistaminico naturale che può essere molto efficace in quanto blocca naturalmente la capacità del corpo di produrre istamina. Puoi prepararlo di semplice ortica o unire le foglie di ortica a menta piperita e foglie di lampone rosso per un tè rinfrescante.
  • Bevi acqua depurata calda (1 litro e 1/2 durante la giornata lontano dai pasti).
  • Mangia pasti semplici, poco trasformati e il più possibile naturali.
  • Consuma solo derivati da latte crudo e non abusarne.

Rimedi efficaci contro le allergie

Fai una cura di terreno per riequilibrare la flora batterica intestinale, introducendo un buon integratore di probiotici, come il nostro Energy Flora.

Inoltre nei negozi di alimenti naturali e in erboristeria puoi trovare tanti rimedi naturali come il macerato glicerico di ribes nigrum da prendere nella posologia di 50 gocce 3 volte al giorno nel periodo precedente l’allergia stagionale.

Un valido aiuto può essere dato anche dalla cura omeopatica.

Altri due potenti rimedi sono il fungo Reishi e lMSM.

Il fungo Reishi diminuisce la tendenza a produrre un eccesso di istamina. In caso di allergia stagionale, è bene assumere fungo Reishi a livello preventivo nei 3 mesi precedenti per calmare il sistema immunitario.

Anche le dermatiti croniche, le verruche e le allergie che riguardano la pelle possono essere trattate mangiando il fungo Reishi.

É bene cominciare ad assumerlo in piccole quantità per vedere come reagisce il tuo corpo.

Può essere utile fare un ciclo di MSM nei tre mesi precedenti lo scoppio di una allergia stagionale e la cura deve proseguire anche durante il periodo più acuto.

L’MSM va preso in capsule (1-2) o in polvere (1/2 cucchiaini) e viene assorbito meglio se sciolto in poca acqua tiepida con qualche goccia di limone o un pizzico di polvere di camu camu, che è molto ricca di vitamina C.

Produzione eccessiva di muco o rinite allergica

In caso di produzione eccessiva di muco di tipo allergico o rinite può essere molto utile fare una profilassi quotidiana di pulizia con la Neti Lota.

E’ una piccola brocchetta che ti permette di fare un accurato lavaggio nasale.

Dovrai riempire la Lota con acqua calda e sale e praticare il lavaggio facendo entrare l’acqua calda da una narice e farla uscire dall’altra.

Se fai questa operazione ogni giorno, tenendo la bocca aperta in modo che il muco non vada nelle orecchie, ma esca fuori dall’altra narice, e respirando soltanto con la bocca senza respirare col naso, avrai sempre i canali liberi, sgombri e privi di muco.

Questo previene le riniti allergiche e i raffreddori stagionali.

Leggi questo articolo per istruzioni complete sull’utilizzo della neti lota.


Prodotti citati in questo articolo che trovi in vendita nel nostro shop:


Condividi

Avatar

Raffaella Scirpoli

Raffaella Scirpoli è una giovane Naturopata che da più di 3 anni collabora con Francesca nel programma Energy Training.

Ha scoperto il mondo dell’alimentazione naturale solo pochi anni fa, ma è stato “amore a prima vista”.

Seguendo i consigli di Francesca, di cui si considera l’allieva numero uno, ha stravolto le sue abitudini alimentari e si è sentita subito più energica, più consapevole e più sana.

Consulta le fonti e gli studi principali a cui facciamo riferimento

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


The Sautón Approach
Unisciti a 170.000 iscritti e ricevi guide,
ricette e consigli esclusivi:

  1. Avatar
    ha commentato:

    buon giorno, il testo è decisamente interessante e condivido quanto scritto, non sono competente in merito ma l’asma allergica di mia figlia piccola mi ha indotta ad informarmi, molto già so ma aggiungere altro alla mio sapere fa solo bene. dissento sulle abitudini alimentari durante la gestazione, vi spiego perché, io non ho mai ecceduto in nulla ne durante le gravidanze , ne prima ne dopo. non mangio fritture, non mi piacciono i dolci e le mie bambine hanno assaggiato le merendine e gli spuntini per curiosità o perché li mangiavano gli amici dell’asilo, i piatti erano sempre poco verdi per loro quando cucinavo e cucino verdure, ho mangiato verdure sempre e loro ancora oggi la prediligono. ora stiamo anche mangiando più vegetariano per sostenere la seconda delle mie figlie. insomma in quanto ad alimentazione ho ben poco da correggere da quanto mi riferiscono i nutrizionisti e i dietologi ai quali ho chiesto pareri e consulti. io sono stata definita un soggetto “atopico” addirittura lo sono dalla nascita, mi riferiscono, e lo scopro a 46 anni, spiegatemi perché oggi ho la dermografite, ho eliminato il lattosio per me e le mie figlie, uso cereali in grani e i semi di cui oggi si riconoscono i benefici, continuo la ricerca di tutto quanto più naturale ed incontaminato possa esistere, e senza una certezza economica tra l’altro, dopo tutto questo cambia ben poco, qual’è la verità? … grazie delle informazioni e buon lavoro

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Rita,
      ti ringraziamo tanto della tua condivisione.
      Le cause possono essere tante: anche vaccinazioni, una polmonite avuta da piccoli, una predisposizione costituzionale…
      La cosa migliore che puoi fare è tenere a bada l’asma con i metodi e i rimedi naturali e usare l’inalatore solo come “salvavita”, se possibile. Molto interessante è il metodo Buteyko. Francesca ha intervistato la dottoressa Fiamma Ferraro su questo argomento, ti incoraggio ad ascoltare l’intervista qui: http://www.energytraining.it/podcasts/episodio-11-metodo-buteyko-asma/
      Un caro saluto e buona ricerca

  2. Avatar
    ha commentato:

    sempre molto interessante e vero per tenersi in forma,saluti

    • Avatar
      ha commentato:

      Grazie Gianfranco! 🙂

  3. Avatar
    ha commentato:

    Buongiorno, condivido un po’ i problemi di Rita.
    L’articolo è interessante e ben fatto. Da 3 mesi c. ho fatto un test molto particolare che mi ha indicato a quali sostanze, alimentari, sintetiche, minerali, sono intollerante, da poco ad allergia.
    Sto seguendo le indicazioni abbastanza regolarmente, ho sofferto di disturbo intestinale per più di 2 mesi e la naturopata ha detto che era normale: mi stavo liberando dalle tossine.
    Quello che mi lascia perplessa è che ancora non sono regolare (prima il mio intestino funzionava benissimo) che soffro ancora molto di orticaria, allergie della pelle, forse più di prima! non sono dimagrita di un cm (avrei dovuto perdere i miei “rotolini” in eccesso) e via discorrendo.
    Come mai tutti i miei sacrifici (non mangio pane che adoro), posso mangiare solo grano saraceno, non prendo latte con i suoi derivati, etc, come mai non sortiscono effetti?
    Se è vero che ero intossicata da questi cibi a cui sono intollerante, non mangiandoli non dovrei avere qualche effetto positivo? (anche se so che le cause dei miei problemi possono essere, e sono, molteplici)
    Buona giornata e buon lavoro!
    Carla

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Carla,
      bisogna capire precisamente che tipo di alimentazione fai e migliorare il funzionamento dell’intestino con un programma mirato.
      Francesca può esserti molto utile in questo, quindi ti consiglio di entrare nel Programma di Trasformazione e fare a lei questa domanda nel Coaching Mensile. In questo modo potrà indicarti i passi da fare.
      Un caro saluto

  4. Avatar
    ha commentato:

    Salve,
    articolo molto interessante. Volevo sapere quale tipo di alimentazione può essere utile in gravidanza per ridurre le probabilità di sviluppare un allergia o asma per il piccolo?
    Saluti

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Grazia,
      l’alimentazione in stile Energy Training è perfetta :
      – No zuccheri e carboidrati raffinati
      – No prodotti confezionati e derivati da latte pastorizzato
      – sì verdura, grassi saturi buoni (ghi, olio di cocco e olio evo premuto a freddo)
      – sì proteine animali di buona qualità
      – sì cereali integrali in chicchi
      – sì zuppe
      – sì qualche Superfoods
      Per indicazioni più precise e adatte a te ti consiglio di entrare nel Programma di Trasformazione e fare la tua domanda a Francesca nel coaching mensile.
      Un caro saluto

  5. Avatar
    ha commentato:

    ciao raffaella, complimenti per il vostro lavoro. ho mio figlio che è intollerante al lattosio, puoi aiutarmi a capire quali alimenti può mangiare, premesso che abito in campagna coltiviamo prodotti biologici,preparo dolci fatti in casa, cosa devo fargli mangiare non ha mai bevuto il latte e non so cosa fargli magiare è in fase di crescita e ha sempre fame, ha 14 anni. deve anche disintossicarsi dal lattosio in eccesso cosa devo fare. Un abbraccio

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Maria,
      grazie del tuo feedback! 🙂
      L’alimentazione in stile Energy Training è perfetta per lui. Gli basta eliminare tutti i derivati del latte e consumare solo le altre proteine alternandole: carne, pesce, legumi e uova. Come grassi può consumare olio di cocco e ghi.
      A colazione il latte non serve. Può mangiare un frullato di sola frutta con olio di cocco, miele (opzionale) frutta secca, superfoods (bacche di goji, acai, cacao crudo). Oppure della frutta tagliata a pezzetti con olio di cocco o ghi (sia cruda che cotta), oppure un porridge con olio di cocco o ghi e superfoods.
      Per i tuoi dolci puoi usare del latte vegetale (di riso o mandorla) al posto del latte, oppure puoi preparare dei dolcetti crudisti sani con frutta secca, semi oleosi e superfoods.
      Un caro saluto

  6. Avatar
    ha commentato:

    Ciao Francesca, volevo chiederti come si fá il te di ortica,e quante volte assumerlo durante la giornata.Poi volevo chiederti se l’aceto di mele si prende prima dei pasti o durante la giornata.Grazie

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Stefano,
      puoi fare la tisana di ortica, acquistando le foglie secche in erboristeria e usarne 2 cucchiaini in una tazza d’acqua ben calda, ma non bollente e lasciarle in infusione per circa 10 minuti prima di berla. L’aceto di mele se ne prende un cucchiaio sciolto in una tazza d’acqua calda al mattino a digiuno per non più di 15 giorni di seguito. L’alto grado di acidità, può intaccare lo smalto dei denti o dare problemi digestivi se usato per periodi troppo lunghi. Un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico