Energy Training diventerà The SAUTÓN Approach Scopri di più

Perché ingrassi e come evitarlo3 min read

Condividi

Condividi


In che modo il nostro corpo accumula grasso?

Comprendere questo meccanismo può cambiarti la vita!

Ogni volta che mangiamo qualcosa, i nutrienti ottenuti sono conservati in diversi “compartimenti” del nostro corpo.

E’ un sistema molto sofisticato finalizzato a poterli utilizzare rapidamente al momento del bisogno: quando ci muoviamo e non mangiamo!

Possiamo considerare i nostri depositi di energia come le nostre “batterie ricaricabili” sempre pronte a soccorrerci.

C’è una grande differenza, in questo, tra come funzionano i carboidrati e come funzionano i grassi.

Il meccanismo dei carboidrati

I carboidrati e gli zuccheri che mangiamo vengono usati in parte come carburante per vivere (ne serve poco) e quelli in eccesso sono conservati per prima cosa  sotto forma di glicogeno (il glicogeno è glucosio che viene conservato nel fegato sotto forma di “pacchetti” più facili da immagazzinare e conservare)

Queste prime riserve sono in grado di contenere circa 2000 calorie di glucosio.

Si tratta di piccole batterie che hanno una capacità limitata e possono durare circa 24 ore in assenza di cibo.

Se queste batterie sono piene questo non è positivo per la nostra salute perché ci impedisce di bruciare i grassi e quindi perdere peso.

Per la nostra salute queste nostre riserve dovrebbero essere costantemente
semivuote o poco piene.

Se le “batterie” di glicogeno sono piene, lo zucchero in eccesso è convertito in una speciale forma di grassi che sono rilasciati dal fegato nel sangue.

Questo appesantisce il sangue e porta ad un rialzo esagerato delle lipoproteine (particelle di grasso di bassa densità e grandi dimensioni VLDL).

Ora se vogliamo essere in salute dobbiamo evitare di avere tanto zucchero da non sapere come conservarlo e costringere il nostro fegato a trasformarlo in particelle di grasso!

Infine se lo zucchero da sistemare è tanto perché ne mangiamo ogni giorno e tutti i giorni (colazione dolce, spuntino di zuccheri o frutta, pranzo con primo piatto e pane, merendina o succo di frutta al pomeriggio, pane, riso e cioccolata la sera, per esempio) allora l’ ultimo deposito di zucchero è costituito dalle cellule adipose.

A questo punto la faccenda si fa davvero interessante, perché quello delle cellule adipose è un deposito enorme e molto capiente, che la maggior parte delle persone sovrappeso non arriva mai ad utilizzare.

E’ un enorme deposito dove c’è un accumulo continuo ma non c’è mai la fase di consumo, è’ come una discarica gigantesca in continua espansione.

Il meccanismo dei grassi

Mangiare grassi,invece che zuccheri come carburante, consente di
tenere basso lo zucchero nel sangue e non riempie mai le prime batterie di glicogeno che quindi risultano poco piene e disponibili all’occorrenza.

I grassi vengono direttamente “gestiti” dall’ultima riserva senza interessare le altre due (sangue e batterie di glicogeno).

L’azione dei grassi è quella di rendere le nostre cellule adipose sane, sensibili ai comandi dell’insulina e mai in accumulo.

L’altra conseguenza è che queste riserve sono molto resistenti e sono in grado di supportarci anche per periodi lunghi di assenza di cibo o in caso di sforzo fisico, creando una maggiore resistenza

Il digiuno intermittente di 12 ore giornaliere notturne, combinato con una dieta LOW CARB alta in grassi ci consente di raggiungere il peso forma senza sforzo.


Altri articoli e e video collegati:

Perdere peso: la strategia naturale infallibile [Guida definitiva]


Condividi

Devi Francesca Forcella

Devi Francesca Forcella

Educatrice, naturopata e Fondatrice e Direttrice di “Energy Training” – il Programma di alimentazione e salute naturali più seguito in Italia – ha insegnato alimentazione e cucina naturali a centinaia di persone durante innumerevoli corsi e consulenze individuali.

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


The Sautón Approach
Non perdere le nuove risorse!
Iscriviti alla newsletter per ricevere guide gratuite,
risorse esclusive, articoli, ricette e offerte:

137.936 persone già iscritte
  1. Avatar
    ha commentato:

    sono diabetica va bene il programma proposto?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Eugenia,

      benvenuta sul blog.
      Assolutamente sì, il metodo propone un’alimentazione a basso contenuto di carboidrati e zuccheri quindi ottima per chi come te ha il diabete.

      Un caro saluto.

  2. Avatar
    ha commentato:

    brava!

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Patrizia,

      benvenuta sul blog, siamo felici del tuo apprezzamento.

      Un caro saluto.

  3. Avatar
    ha commentato:

    Grazie infinite per queste informazioni, ma sopratutto per la chiarezza e semplicità di spiegare meccanismi complessi, infinita gratitudine!!!

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Laura,

      siamo molto felici del tuo apprezzamento.

      Un caro saluto.

  4. Avatar
    ha commentato:

    Vorrei sapere come calcolare la quantità di grassi di cui ha bisogno il nostro corpo. Come posso sapere se ne ho mangiati abbastanza oppure ne ho mangiati troppi? Grazie per l’aiuto

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Katia,

      benvenuta sul blog.

      Non esiste un modo di calcolare la quantità giusta di grassi che può variare in base a vari fattori come ad esempio l’età, il grado di attivitò fisica quotidiana, se si è in menopausa, ecc.
      In genere noi consigliamo almeno un cucchiaio di grassi sani (tipo ghi e olio di cocco) a pasto (colazione, pranzo e cena).
      Ma potresti anche aver bisogno di assumerne di più.
      In genere comunque siccome i grassi sani sono molto nutrienti e sazianti è molto difficile abusarne perché lo senti naturalmente quando ne hai assunti abbastanza quindi non temere di mangiarne troppi.
      L’importante è consumarli principalmente a crudo e che siano di ottima qualità.

      Un caro saluto.

  5. Avatar
    ha commentato:

    Finalmente qualcuno che capisce di alimentazione!

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Ciro,

      benvenuto sul blog.

      Siamo felici del tuo apprezzamento, continua a seguirci!

      Un caro saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico