Granola Energy1 min read

Condividi

Granola energystyle
  • Bambini
  • Vegetariani
  • Vegani

Questa ricetta è adatta anche ai Bambini ai Vegetariani ai Vegani

Condividi


Ingredienti per 6 porzioni
  • 50 gr di fiocchi di quinoa/miglio/avena/amaranto
  • 65 gr di semi di lino macinati
  • 30 gr di semi di zucca decorticati e ammollati e scolati
  • 130 gr di anacardi ammollati, scolati e tritati
  • 100 gr di noci pecan ammollate, scolate e tritate
  • 50 gr di mandorle pelate
  • 60 ml di olio di cocco
  • 100 gr di sciroppo di yacon
  • 1 c. raso di vaniglia
  • 1 c. di anice
  • ½ c. di coriandolo
  • ½  c. di curcuma
  • 1 pizzico di sale rosa
Preparazione

1. Metti in ammollo gli anacardi per 12 ore in acqua e limone poi scolali e tritali con un coltello

2. Metti in ammollo le noci pecan, i semi di zucca e le mandorle per 30 min., poi scolale e tritale

3. In una terrina mescola i fiocchi, i semi di lino, i semi di zucca e metà degli anacardi

4. Mescola lo sciroppo di yacon e l’olio insieme e versarli nella terrina. Crea un impasto omogeneo

5. Versa l’impasto sulla teglia foderata con la carta da forno, con altezza di 1 cm circa

6. Inforna per 35 minuti a 160°

7. Togli la barretta dal forno e falla raffreddare 1 ora

8. Metti in una padella i semi restanti tritati (noci pecan, mandorle e la metà degli anacardi) e fai tostare per 6-7 minuti mescolando

9. Una volta freddata la barretta, frantumala a pezzi

10. Unisci i pezzi ai semi tostati

Gusta accompagnando con una buona tisana di finocchio.

Puoi versare la granola avanzata in un vaso di vetro e conservarla per 4-5 giorni

Prodotti per questa ricetta

Anacardi

Noci pecan

Mandorle pelate

Olio di cocco

Sciroppo di yacon

Coriandolo

Curcuma


Condividi

Sonia Vecchiato

Mentre ricerca uno stile di vita che porti energia nel corpo e nello spirito, Sonia approda in Energy Training e, sotto la sapiente guida di Devi Francesca, approfondisce le conoscenze sul benessere e sull'alimentazione e le applica su di sé ottenendo dei risultati evidenti.
Sperimentatrice di ricette, organizzatrice di party, pic-nic e veloci spuntini, dispensa idee per prendersi cura del proprio corpo abbinando con attenzione ingredienti e sapori.
Attualmente Energy-Tutor, al servizio di chi desidera ritrovare vitalità, salute e benessere.

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


Conosci il cibo che ti fa sentire “al massimo”
e quello che ti ruba energia e salute?
Fai il Test GRATIS
Non perdere le nuove risorse!
Iscriviti alla newsletter per ricevere guide gratuite,
risorse esclusive, articoli, ricette e offerte:

137.936 persone già iscritte
  1. ha commentato:

    La ricetta non è ben chiara: quali sono i semi restanti?

    • ha commentato:

      Ciao Enrico,
      grazie della segnalazione.
      Abbiamo corretto, specificando quali sono i semi restanti. Ora dovrebbe essere più chiaro.
      Un caro saluto

  2. ha commentato:

    Buongiorno quanto ne andrebbe mangiato? Perché i semi so avere proprietà speciali ma esagerando infiammano .. e io faccio fatica a razionarmeli .. mi piacciono da morire belli croccantini .. e ne mangio tanti ..

    • ha commentato:

      Ciao Valentina,
      piacere di conoscerti e benvenuta sul blog.
      Tanti non vanno mai bene. Questa ricetta si può fare non più di un paio di volte a settimana, alternata ad altre colazioni più nutrienti ed equilibrate come la colazione salata.
      Un caro saluto

  3. ha commentato:

    Buongiorno, volevo sapere cosa ne pensate dello sciroppp d’acero e dello sciroppo di agave? Si possono usare nelle preparationi come la granola ogni tanto?
    Grazie mille

    • ha commentato:

      Ciao Michela,
      sono pessimi, ne abbiamo parlato anche in questo articolo:
      Un caro saluto

  4. ha commentato:

    Buongiorno Sonia, è possibile unire i semi tostati (o non tostati) all’impasto prima di infornare? Una piccola nota: nelle fase di lavorazione non vengono menzionate le spezie da aggiungere all’impasto.
    Grazie

    • ha commentato:

      Ciao Enrico,
      meglio se vuoi, mettere i semi in forno in un secondo momento, a 170 gradi, per 25 minuti avendo l’accortezza di rigirarli. Le spezie vanno aggiunte nell’impasto: grazie per la segnalazione. Un caro saluto

  5. ha commentato:

    Scusami Raffaella, ma nel mio precedente commento ho scritto Sonia…ancora non ho capito perchè 🙂 , potresti correggere? Grazie Enrico

    • ha commentato:

      Ciao Enrico,
      Sonia, Raffaella o io, fa lo stesso, siamo un unico staff! Un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico