Il vino non ti aiuta2 min read

Condividi


Eccomi qui di nuovo con te.

E’ passata qualche settimana dall’ultimo video, è stato un periodo intensissimo. La casa è stata piena di amici, giunti qui per meditare o per imparare l'”alimentazione sana”.

E’ finito da poco l’Energy Weekend di settembre e mi è venuto in mente di parlarti di una cosa.

Mi sono resa conto di un problema che riguarda tanti di voi, la difficoltà a staccarsi da un’abitudine che tendiamo a sottovalutare: bere il vino.

Accade di farlo soprattutto di sera, di ritorno dal lavoro, quando si è rilassati. Ci si lascia andare, soprattutto se si è in compagnia e ci si concede il vino a tavola.

E’ importante che sappia cosa ti porta a desiderare di bere vino, cosa produce nel tuo corpo il bere quotidianamente vino e cosa puoi fare per sostituire questa abitudine.

Qual è la causa di questo desiderio (oltre al fatto che ti piace il vino e che berlo è un rito)?

Il tuo corpo chiede vino soprattutto di sera perché hai mangiato in un modo che non è adatto a te, hai consumato una serie di alimenti che non sono “tuoi amici” e senti il corpo un po’ intasato e rallentato, c’è qualcosa che vorresti smuovere ma non sai come farlo. In genere desideri il vino per darti un po’ di movimento, per dare la spinta a una digestione che stenta ad avviarsi.

Soprattutto la sera, dopo che per tutta la giornata hai rallentato la digestione con alimenti non adatti a te (più pane e pasta del dovuto, hai dimenticato i grassi, non hai bevuto a sufficienza, il cibo era troppo grasso o era senza sapore) senti che il vino possa smuoverti. Dopo aver bevuto il vino ti sembra che qualunque cosa mangi la sera la digerisci più facilmente.

Ma cosa succede in realtà quando bevi vino?

  • L’intestino si riempie di fermentazione (il vino è un prodotto fermentato e zuccherino). Il vino riscalda la temperatura dell’intestino, lo fa ribollire, e non digerisci nulla. Puoi avere colite, gonfiore e non assorbi quello che hai mangiato.
  • L’alcool surriscalda il corpo. Questo produrrà calore in stomaco e fegato. Se lo stomaco è troppo caldo sei sempre affamato, ti viene voglia di sgranocchiare continuamente qualcosa.
  • Di notte non dormirai bene. Prova una volta a non berlo e fai attenzione alla qualità del tuo sonno.
  • Il vino è il più grande distruttore di enzimi digestivi. Giorno dopo giorno con questa abitudine distruggi il tuo corredo di enzimi digestivi, che ti permettono di assimilare le sostanze nutritive.

Prova per una settimana a non bere vino. Ti accorgerai che la mattina non ti sveglierai gonfio, dormirai meglio, diminuirà il ribollire della pancia, scomparirà il mal di testa e ti sentirai meno stanco.


Condividi

Devi Francesca Cillo

Devi Francesca Cillo

Educatrice, naturopata e Fondatrice e Direttrice di “Energy Training” – il Programma di alimentazione e salute naturali più seguito in Italia – ha insegnato alimentazione e cucina naturali a centinaia di persone durante innumerevoli corsi e consulenze individuali.

Consulta le fonti e gli studi principali a cui facciamo riferimento

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


The Sautón Approach
Unisciti a 170.000 iscritti e ricevi guide,
ricette e consigli esclusivi:

  1. Avatar
    ha commentato:

    il vino fa bene all’organismo e soprattutto alla salute del sistema cardiovascolare e cerebrovascolare. diversi studi epidemiologici hanno infatti evidenziato una maggiore longevità nei bevitori moderati di vino rispetto agli astemi e ai forti bevitori.

    Numerose indagini cliniche ed epidemiologiche hanno posto l’accento sull’azione protettiva del vino nei confronti del cuore e dei vasi. I responsabili di questi benefici sono i polifenoli, in particolare il resveratrolo. Non tutti i vino sono però uguali; gli alimenti antiossidanti sono infatti presenti soprattutto nei rossi invecchiati, molto meno nei vini giovani e nei bianchi.

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Franco,
      grazie per aver condiviso la tua opinione. Purtroppo non siamo d’accordo.
      I danni superano i benefici.
      I solfiti contenuti nel vino avvelenano e gli zuccheri distruggono la flora intestinale e i nostri preziosi enzimi.
      Probabilmente vale la pena assumere quei nutrienti da fonti più sane.
      Basta fare un po’ di attenzione per accorgersi di quanto non sia sano il vino.
      Un caro saluto

  2. Avatar
    ha commentato:

    Ciao cara Francesca, ciao a tutti. Io sono Roberta – sono appena stata a Malta con Francesca – e voglio dire due cose a proposito del vino la sera. Per anni per me è stato il “consolino” serale piu amato, il momento magico del mio “lasciar andare” stanchezza e fatica. Adoro la leggera ebrezza che mi dà il vino, la sua convivialità, la complicità che crea con un amico o amica speciale. Detto questo, questo piacere diventato abitudine si è trasformato per me in tutto ciò che Francesca ha appena detto: notti difficili, tormenti gastrointestinali, gonfiori. Quinid, ho smesso da due settimane, e devo dire che i risultati sono sorprendenti. Confesso che spero un giorno di poterlo ribere, magari occasionalmente. Ma al momento, io e la mia pancia siamo MOLTO PIU FELICI COSI’. baci a tutti

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Roberta,
      grazie di cuore per il tuo meraviglioso feedback che può essere di beneficio per tanti.
      Un caro saluto

  3. Avatar
    ha commentato:

    Bevo in quantità modeste, una volta alla settimana in occasione di aperitivi o cene con amici. Spesso, da quando ho superato i 30 anni, se bevo vino bianco la sera,oltre al sonno agitato, soffro di crampi notturni. Questo non succede con il vino rosso e mi sono sempre chiesta il perché. Imputo spesso il problema alla qualità del vino, ma non sono convinta di questa spiegazione. Avete qualche idea ? Grazie

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Chiara,
      piacere di conoscerti e benvenuta sul blog.
      Non so dirti il motivo, in ogni caso entrambi sono dannosi. Sia il vino bianco che il vino rosso creano fermentazione e rovinano la digestione. Dal nostro punto di vista dovresti eliminarli entrambi.
      Un caro saluto

  4. Avatar
    ha commentato:

    Carissima Francesca, infinita gratitudine per i tuoi continui preziosi consigli. Sei un angelo!!! Seguo alla lettera tutto ciò che insegni e il mio corpo e la mia mente ringraziano. Lo so, l’ho già detto altre volte, ma sento il bisogno di ribadire la mia gratitudine nei tuoi confronti, un abbraccio di tutto cuore!

    • Avatar
      ha commentato:

      Un grazie e tanto amore da parte di Francesca, cara Laura!

  5. Avatar
    ha commentato:

    Ciao Francesca è da qualche mese che mi hanno regalato dei granuli di Kefir d’acqua il mio quesito è questa bevanda ha una caratteristica fermentata zuccherina è un po’ alcolica è da considerarsi dannosa come il vino?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Patrizia,
      piacere di conoscerti e benvenuta sul blog.
      Il kefir è un prodotto che facilmente può sviluppare delle fermentazioni anomale e dare mal di pancia e rovinare la digestione.
      Noi non lo usiamo per questo motivo.
      Un caro saluto

  6. Avatar
    ha commentato:

    Ciao Francesca,
    come sempre i tuoi consigli sono preziosi e da qualche anno li metto in pratica con ottimi risultati!
    Due chiarimenti: il vino bisognerebbe eliminarlo completamente dai pasti?
    La cena ideale a cui tu alludi nel video in cosa consisterebbe praticamente?

    Grazie e complimenti per la tua simpatia e disponibilità.
    Buona giornata!
    Valentina

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Valentina,
      piacere di conoscerti.
      Sì, va eliminato.
      La cena deve essere molto leggera, idealmente solo vegetale. Francesca ne ha parlato in questo video: .
      Un caro saluto

  7. Avatar
    ha commentato:

    buon giorno, sono proprio contenta che questa mattina prima d’iniziare il mio lavoro ho speso bene una manciata di minuti, ..io non sono una grande bevitrice ma mi piace concludere il pranzo e/o la cena con due-tre dita di vino rosso. da come ho letto, il vino non fa bene alla digestione, anzi la peggiora. Specialmente per l’insonnia, grazie Francesca e Raffaella per la disponibilità e per tutti i consigli…

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Antonietta,
      grazie a te del bel feedback e benvenuta sul blog.
      Un carissimo saluto

      • Avatar
        ha commentato:

        Signora Francesca anch’io soffro fastidi con il vino che lo voglio eliminare ma poi si può stare senza cioè per il corpo può andare bene?

        • Avatar
          ha commentato:

          Ciao Riccardo,

          benvenuto sul blog.

          Se il vino ti crea problemi, toglierlo dalla tua alimentazione è certamente la mossa giusta da fare e non ci sono controindicazioni.
          Il vino non è un alimento necessario né tantomeno obbligatorio quindi possiamo anche farne senza.

          Un caro saluto.

  8. Avatar
    ha commentato:

    Con la tiroidite di haschimoto ho dovuto dire addio al vino, però mi sonon chiesta se posso utilizzarlo in cucina nelle cotture dei cibi qualche volta. E’ vero che la componente alcolica evapora? Forse però rimane lo zucchero, o no?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Laura,
      se segui le nostre ricette ed usi erbe aromatiche e spezie, il vino non è necessario nemmeno in cottura perché la componente zuccherina rimane. Prova e non lo rimpiangerai. Un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico