Sconto del 30% sul nuovo programma online Scopri di più

I pericoli del fruttosio2 min read

Condividi

Condividi


Il fruttosio è uno zucchero monosaccaride e costituisce la maggior parte dello zucchero che consumiamo oggi

In passato il fruttosio era consumato poco, legato solo ai consumi stagionali di frutta e bacche.

Negli ultimi 100 anni invece il nostro consumo di fruttosio è letteralmente esploso e lo consumiamo praticamente ogni giorno.

Come mai?

Perché lo zucchero da tavola è 50 % glucosio e 50% fruttosio.

E la maggior parte dei prodotti, anche quelli bio, è dolcificata con sciroppo di mais che è uno zucchero ad alto tasso di fruttosio (60%) o sciroppo di agave (che è uguale).

Questa accoppiata è ovunque: bibite, succhi, merendine, biscotti, pane, cereali, prodotti per bambini, prodotti per dimagrire, barrette proteiche per sportivi.

Il massimo consentito sarebbe di 6 cucchiaini al giorno (limite molto alto fissato dalle autorità), ma noi ne consumiamo 20 al dì minimo e i teenager di più.

Perché il fruttosio è pericoloso?

Ma cosa fa di speciale e diverso il fruttosio?

Mentre il glucosio viene trasformato dall’intestino e arriva nel sangue alzando la glicemia e stimolando l’insulina (tutte attività dannosissime) il fruttosio fa un giro diverso.

Dall’intestino viene inviato al fegato.

Esattamente come l’alcool, viene trasformato direttamente dal fegato.

Il fegato ne trasforma una parte in glucosio (che viene poi mandato nuovamente nel sangue alzando la glicemia e stimolando l’insulina ma in un momento successivo).

Ma la maggior parte è convertito in acidi grassi e trigliceridi, cioè particelle di grasso, che invadono il sangue.

Il danno al fegato è profondo e silenzioso perché questi grassi non solo invadono il sangue ma restano nel fegato.

Si accumulano e portano alla malatta del fegato grasso non alcolico.

Cosa succede a questi grassi nel sangue?

Il fruttosio accresce a dismisura queste particelle di grasso che si riempiono di colesterolo ossidato.

Queste tendono ad attaccarsi tra di loro, scorrono male nel sangue e aderiscono alle pareti dei vasi sanguigni.

Sono oggi ritenute le responsabili principali della arteriosclerosi.

Conclusione

Glucosio e fruttosio insieme (come nello zucchero e in tutti i dolcificanti di sintesi) ci portano ad un doppio danno: il glucosio accresce l’insulina nel sangue e il fruttosio accresce i grassi nel fegato, nel sangue e nelle cellule adipose, soprattutto addominali e per finire stimola anche l’insulina.

Entrambi non stimolano la sazietà e ti costringono a mangiarne e desiderarne sempre di più.

Ricordati questo anche quando ti rimpinzi di frutta!

Esci dalla spirale di fruttosio e glucosio e diventa un ossidatore di grassi!


Abbiamo parlato del fruttosio anche in questi articoli:

Fruttosio: il vero volto dell’alternativa “sana” allo zucchero

Tutta la verità sul fruttosio


Condividi

Devi Francesca Forcella

Devi Francesca Forcella

Educatrice, naturopata e Fondatrice e Direttrice di “Energy Training” – il Programma di alimentazione e salute naturali più seguito in Italia – ha insegnato alimentazione e cucina naturali a centinaia di persone durante innumerevoli corsi e consulenze individuali.

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


The Sautón Approach
Non perdere le nuove risorse!
Iscriviti alla newsletter per ricevere guide gratuite,
risorse esclusive, articoli, ricette e offerte:

137.936 persone già iscritte
  1. Avatar
    ha commentato:

    Buingiorno, quale sarebbe la dose giornaliera giusta di frutta da assumere senza incorrere nei pericoli del fruttosio?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Sonia,
      non più di due frutti al giorno preferendo frutta a basso indice glicemico: bacche, frutti rossi, ciliegie, fragole, albicocche, kiwi, mela verde. Un saluto

  2. Avatar
    ha commentato:

    Grazie mille per questo articolo , mi sarà di grande aiuto a partire da oggi!

  3. Avatar
    ha commentato:

    Sicuramente e’ tra le piu’ preparate e fornisce un ottima e preziosa divulgazione scientifica alla portata di tutti perche’ molto semplice. Auguri per il suo lavoro.

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Giovanni,
      grazie per il tuo feedback!

  4. Avatar
    ha commentato:

    La frutta rilascia lentamente il fruttosio ed è piena di sali minerali vitamine e acqua biologica
    il fruttosio di cui si parla nell’articolo è un estratto senza alimenti nutrienti

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Domenico,
      in realtà bisogna fare attenzione anche al fruttosio contenuto nella frutta che va consumata con moderazione (non più di due frutti al giorno) preferendo quella a basso indice glicemico. Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico