Sconto del 30% sul nuovo programma online Scopri di più

Piadina di semi di lino1 min read

Condividi

Piadina-di-semi-di-Lino

Condividi

  • Reset
  • Bambini
  • Vegetariani

Questa ricetta è adatta anche al Reset ai Bambini ai Vegetariani


  • 3 cucchiai di semi di lino macinati
  • 1 gr di lievito per dolci senza fosfati
  • 1 pizzico di curry dolce
  • 1 pizzico di sale marino o di sale alle erbe
  • 1 cucchiaio di olio di cocco
  • 1 albume
Preparazione

1. Mescola bene tutti gli ingredienti
2. Versa il composto in una padella di ceramica antiaderente calda e cuoci rapidamente
3. In alternativa versa il composto in una placca rivestita di carta forno e cuoci ventilato a 180 gradi per 5-6 minuti
Usa la tua fantasia per farcire la piadina, usando ingredienti sani: verdure, insalatine, proteine, salsa di avocado o canapa e chia. Per la farcitura, fatti ispirare dalle altre ricette del sito.


Condividi

Avatar

Sonia Vecchiato

Mentre ricerca uno stile di vita che porti energia nel corpo e nello spirito, Sonia approda in Energy Training e, sotto la sapiente guida di Devi Francesca, approfondisce le conoscenze sul benessere e sull'alimentazione e le applica su di sé ottenendo dei risultati evidenti.
Sperimentatrice di ricette, organizzatrice di party, pic-nic e veloci spuntini, dispensa idee per prendersi cura del proprio corpo abbinando con attenzione ingredienti e sapori.
Attualmente Energy-Tutor, al servizio di chi desidera ritrovare vitalità, salute e benessere.

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


The Sautón Approach
Non perdere le nuove risorse!
Iscriviti alla newsletter per ricevere guide gratuite,
risorse esclusive, articoli, ricette e offerte:

137.936 persone già iscritte
  1. Avatar
    ha commentato:

    Dev’essere una ricettina assai deliziosa.
    Ho però una domanda preventiva prima di sperimentarla: i semi di lino vanno ammollati prima di usarli?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Katia,
      i semi di lino da tritare non vanno messi prima in ammollo. Un saluto grande!

  2. Avatar
    ha commentato:

    Sonia sei un mostro! Di bravura! Ti abbraccio forte

  3. Avatar
    ha commentato:

    Bella ricetta? Io trovato una ricetta con farina di ceci, acqua e un po’ di latte… È equilibrata ?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Valentina,
      si tratta di una ricetta di piadina? Ti consiglio comunque di usare del latte di cocco o di mandorle al posto del latte vaccino. Un saluto grande!

  4. Avatar
    ha commentato:

    Ma i semi di lino si possono cuocere? Non contengono grassi polinsaturi?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Francesca,
      piacere di conoscerti e benvenuta sul blog. Puoi cuocerli o consumarli crudi. La cottura è breve e se li consumi crudi sempre meglio macinarli bene.
      Un caro saluto

  5. Avatar
    ha commentato:

    Ho letto in qualche parte per semi di lino di non portare al temperatura alta perché perdano tanto.Io li frullo ogni mattina per colazione.

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Melanija,
      piacere di conoscerti e benvenuta sul blog.
      Come ho scritto a Francesca, la cottura è breve. Volendo puoi consumarli crudi, ma se devi farlo è sempre meglio macinarli bene.
      Un caro saluto

  6. Avatar
    ha commentato:

    Ciao Sonia , vorrei sapere se una porzione o due può essere mangiata ogni giorno al posto del pane. Grazie

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Mariella,
      sicuramente la piadina ti puó aiutare ad eliminare il pane, ma se la fai spesso ti consiglio di provare la ricetta senza albume, aumentando la dose di semi di lino tritati e aggiungendo del latte di mandorla o di cocco. Prossimamente troverai la ricetta disponibile! Un saluto grande.

  7. Avatar
    ha commentato:

    Ciao, in questo caso vanno messi in ammollo i semi?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Sabrina,
      no, essendo macinati non vanno ammollati.

      • Avatar
        ha commentato:

        Ciao Sonia, buongiorno 🙂 quindi quando dobbiamo macinare i semi…tutti i semi, non è necessario metterli in ammollo, giusto? E poi un’altra informazione al posto del lievito senza fosfati, è possibile utilizzare il bicarbonato di sodio? se sì, in quale quantità? Perchè io ho provato a fare questa tua piadina (mettendo a mollo i semi, però) ed ho aggiunto una punta di cucchiaino di bicarbonato, ed è risultata una piadina con un retrogusto amaro, quasi immangiabile, sicuramente ho sbagliato con la quantità di bicarbonato..

        • Avatar
          ha commentato:

          Ciao Carlita,
          piacere di conoscerti.
          Ottime domande! Per quanto riguarda i semi di lino, non bisogna metterli in ammollo prima perchè a contatto con l’acqua cambiano di stato e diventano un composto gelatinoso. La stessa cosa vale per i semi di chia. Quindi pesa la quantità di semi che ti serve, poi tritali e poi aggiungi la farina agli altri ingredienti come indicato. A contatto con le sostanze umide, poi, i semi rilasceranno la gelatina che è parte integrante della buona riuscita di questa ricetta.
          Per quanto riguarda il bicarbonato, ne puoi utilizzare mezzo cucchiaino raso. Se eccedi, potresti avvertire un sapore sgradevole a cottura ultimata, proprio come è accaduto a te. Un saluto grande.

  8. Avatar
    ha commentato:

    Buongiorno,sapete darmi il rapporto carboidrati semi di lino?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Flavia,
      piacere di conoscerti e benvenuta sul blog.
      Se intendi il contenuto di carboidrati nei semi di lino, per 100g di semi ci sono circa 30g di carboidrati.
      Un caro saluto

  9. Avatar
    ha commentato:

    ciao, innanzitutto complimenti. Volevo sapere se è possibile preparare più piadine alla volta per poterle mangiare nei giorni successivi. Nel caso, come vanno conservate e per quanto tempo si consevano? Si possono scaldare al microonde?Creano problemi di gonfiore che tu sappia? Grazie mille per l’attenzione. cinzia

    • Avatar
      ha commentato:

      Cara Cinzia,
      piacere di conoscerti e grazie per le tue domande. ​
      Sicuramente puoi preparare più piadine, ma cerca di consumarle nelle 24 ore successive. Puoi tranquillamente preparare la piadina alla sera e gustarla il giorno dopo per colazione, o come spuntino, o a pranzo. E’ buona anche fredda, ma se la riscaldi qualche minuto in padella è ancora più gustosa. Ti sconsiglio invece il microonde, non solo per scaldare la piadina, ma per tutti gli alimenti: rischi di fare meravigliose ricette sane con ingredienti naturali, per poi vederne uccisi tutti i nutrienti.
      Il lino, come tutti i semi, può creare un po’ di gonfiore: sempre meglio non esagerare con le quantità: in ogni caso, puoi provare ad aggiungere all’impasto un cucchiaino di semi di finocchio (o di anice). Fammi sapere se testi questa variante. Un saluto grande!

  10. Avatar
    ha commentato:

    Buongiorno,
    vorrei sapere la differenza tra “farina di semi di lino” e “semi di lino macinati”?
    Scusatemi, ma sono alle prime armi!

    Grazie

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Eraldo,
      piacere di conoscerti e benvenuto sul blog.
      Non dovrebbe esserci differenza. La farina di semi di lino si ottiene macinando i semi di lino.
      Però può succedere di trovare nei supermercati e nei negozi delle farine di semi di lino che in realtà sono un mix e oltre ai semi di lino contengono altri prodotti. Ti sconsigliamo questi prodotti e ti consigliamo invece di macinare da te i semi.
      Un caro saluto

  11. Avatar
    ha commentato:

    Ciao. Mi domando se la piadina va accompagnata a verdure e proteine o se , invece, è già sufficientemente proteica e si può farcire solo con verdura o una salsa.

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Giuseppina,
      è già sufficientemente proteica, soprattutto la versione con l’albume. Quindi puoi accompagnarla a un piatto di verdure.
      Un caro saluto

  12. Avatar
    ha commentato:

    Ricetta squisita !!!Veramente saziante lo dice una che la mattina mangerebbe di tutto !Un questo caso i semi di lino non vanno ammollati?Grazie per l’aiuto

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Daniela,
      in questa ricetta i semi di lino vanno macinati, per cui non occorre ammollarli. Siamo felici che ti piaccia! Un caro saluto

  13. Avatar
    ha commentato:

    Ciao, devo macinare i semi di lino in un macina-caffè (elettrico o manuale), oppure posso triturarli in un mortaio di marmo? Grazie mille. Sto iniziando in questi giorni il Reset…spero di farcela. Sono convinta della bontà del percorso ma trovo qualche difficoltà nel seguire / trovare le ricette. Grazie per l’aiuto

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Antonella,
      meglio in un macina-caffè o un piccolo frullatore. Inizia dalle ricette semplici. Man mano che farai pratica, sarà tutto più facile. Un saluto

  14. Avatar
    ha commentato:

    ciao, con problemi di gastrite e disbiosi quante volte a settimana si può mangiare questa piadina,

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Ada,
      una volta a settimana e massimo due se non sono presenti nella tua dieta altri semi (semi di chia, semi oleosi, frutta secca con guscio). Un caro saluto

  15. Avatar
    ha commentato:

    Ciao in caso di stitichezza ci sono controindicazioni grazie

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Ada,
      no, i semi di lino aiutano il transito intestinale. Guarniscila con il ghi per ottenere un maggiore effetto. Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico