Carboidrati raffinati e zuccheri: cosa succede se smetto di mangiarli?6 min read

Condividi


Smettere di mangiare carboidrati raffinati e zuccheri almeno per un mese, è uno dei più bei regali che tu possa fare a te stesso e alla tua salute.

Se ci segui ed hai già sperimentato su di te il Restart, lo speciale programma di 30 giorni in cui elimini dalle tue abitudini pane, pasta, pizza, cereali e zuccheri sotto ogni forma, sai già di cosa sto parlando.

I doni che ne potrai ricevere sono davvero molti sia a livello fisico sia a livello mentale, dato che, come vedremo in questo articolo, l’assunzione di carboidrati raffinati ha un grande impatto sulla nostra mente.

Al contrario i miglior carboidrati per il nostro corpo e la nostra mente sono quelli naturalmente contenuti nella verdura e nella frutta.

Prima di tagliare il traguardo di un rinnovato benessere è probabile che, tu vada incontro a degli effetti collaterali.

Questi possono verificarsi sia se stai seguendo il Restart proposto dal Metodo Energy, sia se hai deciso in modo autonomo di eliminare temporaneamente questi alimenti dalla tua tavola.

Voglio tranquillizzarti subito, sono effetti temporanei e saranno più o meno evidenti a seconda dello stato dell’infiammazione generale in cui versa il tuo corpo e da quanto debole è la tua capacità di digestione.

Molto dipende poi da quanto carboidrati raffinati e zuccheri sono stati presenti nella tua dieta quotidiana prima di cambiare abitudini alimentari.

Un radicale cambio di marcia

Ricordati che stai staccando la spina, eliminando l’assunzione di alimenti che ti intossicavano.

Stai insegnando al tuo corpo a cambiare abitudini e ricavare energia e nutrimento non più dagli zuccheri, ma dai grassi.

Due modalità che abbiamo approfondito e messo a confronto in questo articolo: “Zuccheri o grassi? Scopri il carburante giusto per restare in salute

Al corpo succede proprio come quando decidiamo di far andare il motore della nostra auto da benzina a metano: può perdere momentaneamente qualche colpo, rallentare, per poi, una volta “switchato”, ripartire nel pieno delle sue potenzialità.

Tossine, addio!

Anche se potrai viverli come effetti spiacevoli, in realtà sono sintomi dell’avvio di una profonda depurazione messa in atto dal tuo organismo.

Innumerevoli tossine stanno uscendo dagli organi in cui erano intrappolate da chissà quanto tempo e ti stanno abbandonando.

Devi solo avere un po’ di pazienza, giusto il tempo che il processo si compia.

Principali effetti collaterali e le strategie per superarli

Vediamo ora più da vicino di cosa si tratta.

Il fenomeno della chetosi nutrizionale

Eliminando i carboidrati raffinati e gli zuccheri dopo circa tre giorni, il corpo finite le riserve, inizia a rilasciare nel sangue i chetoni o corpi chetonici (molecole di acetone, acetoacetato, beta-idrossibutirrato) quale carburante alternativo.

Questa flessibilità del metabolismo ha permesso la sopravvivenza dell’uomo primitivo: i chetoni hanno potuto garantire al corpo e al cervello, un carburante di riserva nei vari periodi di carestia.

La presenza di chetoni nel sangue indica dunque che sei in “chetosi” e che il corpo sta iniziando a bruciare grassi.

Quando questo avviene hai la sensazione di sentirti “avvelenato” e “appesantito” e potresti accusare alito cattivo, leggera nausea, stanchezza.

Oltre ai chetoni, anche le tossine stanno uscendo e, tempo una settimana o due, dipende da quanto congestionato è il tuo fegato, torni a fiorire.

Essere in uno stato di chetosi, non deve allarmarti e livelli tra gli 0,5 e 3 millimoli di chetoni per litro, sono considerati ottimali nel garantire importanti benefici per la salute.

Valori che raramente si superano quando elimini dalla dieta i carboidrati, in quanto come già detto, il cervello e il corpo, iniziano a bruciare corpi chetonici, per cui non si rischia un loro eccessivo accumulo nel sangue.

Per affrontare meglio i sintomi dell’entrata in chetosi:

  • bevi di più per accelerare la fuoriuscita delle tossine
  • fai più volte al giorno l’oil pulling l’antica pratica della pulizia e dell’igiene del cavo orale
  • sono un ottimo aiuto anche le tisane di tarassaco, menta, semi di finocchio e cardamomo

Stanchezza e senso di spossatezza

Anche queste fanno parte del processo. Alcuni si sentono subito forti, sintomo che la loro energia vitale è alta, altri subiscono invece un contraccolpo.

Più eri in preda al picco glicemico, più inizialmente ti sentirai stanco.

Sarà un periodo più o meno lungo a seconda di quante tossine hai accumulato e dell’efficacia della digestione.

Oltre ad avere pazienza ed aspettare che il corpo sia pronto ad andare a grassi, verdure e proteine per vivere, ecco una strategia per rinvigorirti:

Nervosismo e una leggera tristezza

Sono due stati legati all’impatto che hanno sulla nostra mente l’eliminazione di zuccheri e carboidrati. Questi, stimolando gli stessi recettori degli oppiacei, ti fanno sentire felice e appagato.

Ora sospendendoli e venendo meno questo stimolo, può accadere che tu ti senta, al contrario, un po’ triste e nervoso.

Effetti che spariscono man mano che te ne libererai per poi finalmente ritrovarti forte, sveglio e consapevole, non più in preda a sbalzi d’umore, sintomo tipico del picco glicemico.

Nel frattempo cucinati con amore cose buone: è un ottimo modo per compensare la sensazione di privazione passeggera che scomparirà entro massimo dieci giorni, a patto che la sospensione dai carboidrati e zuccheri sia totale.

Crisi di astinenza da zucchero

Quando associ lo zucchero a carboidrati raffinati con glutine, come nel caso di un semplice panino con la cioccolata, fette biscottate con la marmellata, dolci vari comprati al forno o fatti in casa, stai innescando nel cervello un effetto molto simile a quello degli oppiacei.

Come nel consumo degli oppiacei, zucchero e grano producono vere e proprie crisi di astinenza e possono comportare:

  • affaticamento estremo
  • annebbiamento
  • irritabilità
  • scarsa concentrazione
  • depressione

Tutti sintomi che scompaiono dopo circa una settimana di astinenza.

A creare questo vincolo sono dei polipeptidi, sostanze prodotte dalla digestione di zucchero e glutine che hanno la capacità di oltrepassare la barriera emato-encefalica.

Una volta penetrati nel cervello, si legano ai recettori della morfina, gli stessi a cui si legano gli oppiacei.

Tenere a bada questa finta fame, è semplice:

  • aumenta in questo periodo la quantità di grassi sani, verdure, proteine
  • bevi fuori pasto anche solo una tazza di acqua calda con un cucchiaino di ghi: ti farà sentire subito nutrito a fondo e soddisfatto.

 In conclusione

Saper riconoscere questi sintomi, dar loro il giusto peso, non lasciarti sopraffare né tantomeno scoraggiare, è fondamentale per godere poi di grandi benefici.

A volte le persone sono spaventate da questi segnali di profonda disintossicazione e gettano la spugna solo dopo qualche giorno.

Si convincono che sia pericoloso sospendere i carboidrati perdendo in realtà una grande occasione per migliorare il loro stato di salute generale.

Per questo se hai intenzione di eliminare carboidrati dalla tua dieta e farlo secondo il Metodo Energy, ti consiglio di iscriverti al programma ed evitare il fai da te.

Ad un costo davvero contenuto, per due mesi, potrai accedere ad una serie di informazioni preziose, menù e ricette.

Sarai guidato e sostenuto al meglio per affrontare questo importante cambio di abitudini, superare l’eventuale chetosi e andare dritto verso il traguardo di una rinnovata energia.


Prodotti di cui abbiamo parlato in questo articolo che trovi in vendita nel nostro shop:


Condividi

Avatar

Maria Pia Festini

Operatrice olistica specializzata in nutrizione, si diploma alla SAUTÓN Academy di Devi Francesca Cillo dove ora è Tutor e Coach.
Laureata in Lettere, amante dello studio e della scrittura, alterna il lavoro di collaboratrice del blog a quello di consulente online e offline.
Collabora con centri olistici, erboristerie e organizza piccoli eventi in giro per l’Italia, a sostegno della diffusione e della conoscenza del SAUTÓN Approach, il metodo che dal 2013 l’ha trasformata nel fisico e nella mente regalandole una nuova vita.

Consulta le fonti e gli studi principali a cui facciamo riferimento

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


The Sautón Approach
Unisciti a 170.000 iscritti e ricevi guide,
ricette e consigli esclusivi:

  1. Avatar
    ha commentato:

    Cara Francesca tutto ciò che scrivi sul Reset lo trovo vero e giusto.Sto già in questa fase di disintossicazione ma purtroppo non so rinunciare ai fichi e alle ciliege e altra frutta di stagione..ed anche se ho l olio di cocco non lo uso mai x condire ma sempre l olio d oliva forse x pigrizia di scioglierlo.e poi non ho gli altri prodotti che vendi e x questo mi sento sempre stanca e senza forze.e penso che x iniziare questo percorso con te devo prima stare tranquilla senza alcuna interferenza.
    Saluti cari isabella.

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Isabella,
      l’olio di cocco va tenuto fuori frigo e in questa stagione è praticamente liquido e puoi usarlo per arricchire la frutta di stagione. Consumala con moderazione evitando i fichi che sono troppo zuccherini, ma puoi consumare ciliegie, fragole, albicocche e frutti di bosco. Aggiungi anche il ghi sulle verdure e sulla carne. Se aspettiamo di essere liberi da “interferenze” prima di prenderci cura di noi, non lo faremo mai perché la vita è continuamente piena di prove e sfide piccole e grandi e se non abbiamo l’energia giusta come le affronteremo? Cambiare abitudini alimentari, provare il Reset, ti daranno una nuova forza e una rinnovata energia, tutta quella che la vita ci chiede! Un caro saluto

  2. Avatar
    ha commentato:

    Vorrei sapere se in questo modo nessuno può leggere ciò che vorrei scriverti in privato.

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Isabella,
      se vuoi scrivere in privato, puoi inviare una mail a: info@energytraining.it Le domande che arrivano qui possono leggerle tutti dopo approvazione della redazione. Un caro saluto

  3. Avatar
    ha commentato:

    So queste cose da sette anni ed è oramai il mio stile di vita. Non servono cibi strani e improbabili beveroni. Solo volontà di cambiare in meglio

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Fulvia,
      benvenuta sul blog! Sono perfettamente d’accordo con te sulla volontà come ingrediente prezioso e fondamentale per cambiare. Per i cibi e “beveroni” che trovi menzionati nell’articolo non sono affatto strani, forse poco conosciuti, ma sono il meglio che la natura ci possa offrire come supporto per chi durante la fase di transizione, accusa debolezza. Un caro saluto

  4. Avatar
    ha commentato:

    Sempre molto interessante i vostri articoli.. Ho iniziato il reset e ormai è diventato il mio stile di vita. L’unico neo non riesco a rinunciare alle gallette e simili del mattino e al goccio di caffè che mi svegliai…. Spero di migliorare

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Mora,
      sono felice che i nostri articoli ti piacciono e ti sono di stimolo e ispirazione. Complimenti per aver fatto del Reset il tuo stile di vita. Ottimo traguardo! Hai provato con la colazione salata al mattino? o con un Energy Coffee? La sera ceni in modo leggero e senza proteine? Questa abitudine ti permetterà di avere un sonno più profondo e di non svegliarti scarica al mattino così da desiderare qualcosa che ti tiri su. Ricorda che non si finisce mai di migliorare: c’è sempre qualcosa da aggiustare e perfezionare. Un caro saluto

  5. ha commentato:

    Un articolo molto interessante attento anche a mettere in luce le eventuali controindicazioni, momentanee, che possono essere superate così come proposte dall’articolo. La dieta, perché è di qst che parliamo, ha un costo che vale spendere, se si vuole stare meglio, basta provare. Grazie al vostro articolo scritto con chiarezza, non è difficile seguirlo. Provare per credere.

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Gaspare,
      benvenuto sul blog! Grazie per il tuo feedback. Ottimo approccio il tuo: provare, testare sempre su noi stessi, non fermarsi alla teoria, ma farne esperienza. Un caro saluto

  6. Avatar
    ha commentato:

    Ho provato tempo fa ad eliminare i carboidrati e zuccheri ( premesso che non sono mai stata in sovrappeso e non ho mai avuto esami del sangue con valori fuori norma ) . Devo dire che per me non ha funzionato, credo sempre che ogni persona è a sé e come tale deve saper valutare.

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Tina,
      sono d’accordo con te che siamo tutti unici e diversi. Per capire perché non ha funzionato, purtroppo mi mancano informazioni. Non so se sei entrata in chetosi e questo ti ha fatto ricredere e smettere prima che il passaggio a grassi si compisse. Non so se hai aggiunto grassi sani e proteine. Spero che questo articolo ti sia stato comunque utile nell’acquisire ulteriori informazioni. Un caro saluto

  7. Avatar
    ha commentato:

    Grazie di tutto, seguo Energy training da un bel po’ e i benefici ci sono tutti!
    Ho una domanda a cui vorrei una risposta da voi, perché mi fido solo di voi, cosa ne pensate della farina di vinaccioli? Potrebbe essere utile senza creare problemi? Ho letto in rete dei suoi benefici, antiossidanti, fibre etc, ma vorrei che Energy training mi desse il suo parere! Grazie mille.

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Laura,
      c’è ancora poca chiarezza sulle reali proprietà dei semi di vinaccioli. Accanto ai benefici, l’estratto di semi ad esempio, contiene anche molte tossine e non è ancora ben chiaro quante di queste e in che misura siano presenti anche nella farina e quanto possano essere dannose. Per cui al momento non la consigliamo. Un caro saluto

  8. Avatar
    ha commentato:

    Quali grassi sani oltre olio di cocco, ghi si possono usare? La frutta oleosa? Non è facile rinunciare ai carboidrati causa ricordi ancestrali… Come si può rinunciare ad esempioal pane e pomodoro? Con cosa si sostituisce?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Rossella,
      non si può restare in salute continuando a rimanere ancorati alle vecchie abitudini, soprattutto se queste ci hanno condotto ad accusare vari disturbi. Oltre olio di cocco e ghi, puoi consumare dell’olio extravergine di oliva biologico e premuto a freddo. Frutta oleosa con moderazione. Puoi sostituire pane e pomodoro con delle piadine o spianatine in stile Eneergy che trovi nel nostro blog nella sezione ricette.
      https://www.energytraining.it/piadina/

  9. Avatar
    ha commentato:

    Salve, complimenti per gli articoli i contenuti e approfondimenti. Vi seguo sempre con interesse. Avrei una domanda: eliminando i cereali(pasta pane ecc ecc) e aumentando le proteine non si rischia di appesantire fegato e reni?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Paola,
      in realtà non è consigliato un eccesso di proteine che comunque vengono consumate e proposte non più in due pasti al giorno:colazione e pranzo. Ciò che è consigliato aumentare senza dubbio, sono le verdure cotte in modo leggero (il doppio delle proteine) e fonte di carboidrati fibrosi e grassi sani (olio di cocco e ghi). Il fegato è appesantito dagli zuccheri dei carboidrati e soprattutto dal fruttosio contenuto nella frutta. Se poi si inserisce una buona quantità di acqua calda (ottima per rinforzare i reni) lontano dai pasti, il problema non sussiste. Un caro saluto

  10. Avatar
    ha commentato:

    Ciao Maria Pia ho seguito ET un po’ di anni fa e devo ammettere che il reset è stato il mio trampolino di lancio verso il benessere fisico e mentale!!
    Grazie a voi ho imparato tante nozioni e ho iniziato a nutrirmi in modo sano e naturale mantenendo uno stile vegetariano..
    oggi ci sono stati tanti cambiamenti.. seguo un percorso crudista basato sul consumo esclusivo di frutta , ortaggi e vegetali con poca frutta a guscio (noci mandorle..)
    Credo che sia opportuno cambiare rotta e ritornare a seguire sane abitudini come da stile energy T.
    Se non ricordo male la frutta deve essere considerata una semplice colazione e/o spuntino .. verdure cotte + proteine vegetali (per esempio semi chia o canapa) + grassi buoni (olio cocco, avocado..) per pranzo e per cena .. spezie a volontà !! ..eventualmente aggiungere una piccola porzione di cereali integrali senza glutine ..
    Spero di reindirizzarmi sul sano stile alimentare .. stile energy Training !!
    Grazie di tutto

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Roberta,
      ben ritrovata! Nel frattempo il programma si è rinnovato e aggiornato e la frutta durante il Reset di 30 giorni, non è ammessa. Via libera a proteine e se non mangi carne almeno inserisci le uova e un po’ di formaggio da latte crudo come il Parmigiano 36 mesi. Mi raccomando verdure solo cotte e aggiungi olio di cocco e ghi. Attenta all’avocado che può avere un effetto indebolente sulla tua digestione. Non so quanto tempo fa hai acquistato il programma e per scoprire se puoi avere la nuova edizione, scrivi a Raffaella a info@energytraining.it Un caro saluto e buon proseguimento

  11. Avatar
    ha commentato:

    Ma questa non è la dieta di Panzironi?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Flavio,
      benvenuto sul blog. So che se non ci conosci e non ci segui, ciò che proponiamo, può sembrare uguale alla Life 120. Ti copio qua la dirette parole di Devi Francesca Cillo che usa per rispondere a domande come la tua. Un caro saluto
      “Voi venite da Life 120 e non mi conoscete, mi presento ufficialmente! Non sono dottoressa ma Naturopata e mi occupo di nutrizione da più di 30 anni. Ho un Programma Online (www.energytraining.it) che ha più di 12 anni di vita e una Accademia di specializzazione in Nutrizione a cui sono iscritti oltre ottanta partecipanti e numerosi medici. Vi dico questo non per vantarmi ma per spiegarvi che lavoro in questo campo da tantissimo tempo e affermo l’importanza della moderazione degli zuccheri e il valore dei grassi sani da tanto tanto tempo. Ho studiato all’estero e mi sono formata in diverse discipline olistiche. Detto questo forse voi mi avete conosciuto solo ora e vi vedo numerosi in questo post che venite da Life120, sono felice di incontrarvi ma è anche fondamentale rispettare, onorare e gioire del lavoro di tutti. Conosco il lavoro di Panzironi, entrambi studiamo gli effetti dell’abuso di zuccheri, abbiamo punti in comune e anche tante diversità, come accade a tutti i ricercatori e praticanti del mondo del naturale. Nel mondo siamo tantissimi e questo è meraviglioso. Se ad affermare queste verità ci dovesse essere uno sparuto gruppo di persone ci sarebbe da preoccuparsi. Invece non è così. Numerose ricerche a livello internazionale ormai affermano l’importanza dei grassi sani e la riduzione dei carboidrati e l’uso sapiente delle proteine. Io ho un Programma Online con un metodo speciale che ho creato per staccarsi dalle dipendenze e ritrovare la libertà e l’equilibrio. Ho un Test per misurare gli squilibri e uno speciale programma Detox di 4 settimane, dove unisco le conoscenze millenarie delle Medicine antiche, come la Medicina Tradizionale Cinese e l’Ayurveda, alle ultime scoperte scientifiche. Con una speciale attenzione alla riattivazione della digestione. Quindi come vedi un lavoro che ha molti punti di contatto con quello di Life ma anche molti punti di diversità come è giusto che sia. Perchè è il frutto del mio lavoro trentennale nel campo della nutrizione. avevo solo diciannove anni quando ho mosso i primi passi nel mondo del naturale e ora ne ho cinquantasei. Non ho mai smesso e il mio blog Energy Training ha decine di migliaia di visitatori l’anno. Grazie a qualche video o articolo mi avete conosciuta e ripeto ne sono felice e sono incredibilmente felice per il percorso che state facendo e i miglioramenti che avete avuto. Ma tutto ciò se si tramuta in rabbia, invidia, risentimento e guerra di religione non solo non giova al lavoro del vostro maestro ma neppure a voi. Aprirsi e gioire delle conoscenze esistenti è la meraviglia della vita. Solo in Italia tendiamo a sviluppare invidia e chiusura nei riguardi del lavoro degli altri, altrove e soprattutto negli States dove migliaia di ricercatori ed esperti lavorano da anni affermando queste stesse cose, ci si rispetta, si collabora e c’è un meraviglioso clima di collaborazione che fa bene a tutti, ognuno con le sue specificità. Vi auguro un meraviglioso cammino di salute e felicità. E venite a trovarmi ogni volta che volete, è solo una gioia! Ciao!”

  12. ha commentato:

    Vorrei tornare in forma

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Silvana,
      benvenuta sul blog. Direi che sei nel posto giusto. Puoi entrare anche tu nel nuovo programma ed applicare il metodo SAUTÓN step by step secondo il ritmo che ti suggerisce il tuo corpo. Ti aspetta una community dove poter confrontarti quotidianamente. Trovi tutte le informazioni qui: Un caro saluto
      https://www.energytraining.it/presentazione/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico