Energy Training diventerà The SAUTÓN Approach Scopri di più

La malattia di Graves: una patologia autoimmune che colpisce la tiroide18 min read

Condividi

Condividi


Se appartieni alla classe dei quaranta-cinquantenni avrai probabilmente visto il film Frankesteinn Junior di Mel Brooks (e se non lo hai ancora visto ebbene il mio consiglio è di colmare questa lacuna al più presto).

Un film considerato una delle migliori commedie di sempre (tra i vari riconoscimenti ricevuti anche la decisione nel 2003 di inserirlo nella Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d’America per la conservazione) che deve parte della sua comicità al personaggio di Igor interpretato da Marty Feldman i cui lineamenti caratteristici erano dovuti proprio alla malattia di Graves, di cui il comico-attore iniziò a manifestare i sintomi non ancora trentenne.

Quella che da un certo punto di vista era una sfortuna, fece dell’attore un’icona: gli occhi sporgenti e lo sguardo strabico divennero infatti uno strumento di cui Feldman si serviva per rendere la sua comicità ancora più incisiva e surreale.

Cos’è la malattia di Graves

La malattia di Graves, conosciuta anche come malattia o morbo di Basedow-Graves o gozzo tossico diffuso o gozzo esoftalmico, è una patologia autoimmune che colpisce la tiroide e che è frequentemente all’origine dell’ipertiroidismo.

La malattia prende il nome da Robert Graves, un dottore irlandese che non scoprì la malattia ma condusse una serie di studi su di essa nella prima metà del diciannovesimo secolo.

L’altro nome con cui è conosciuta fa riferimento a Karl Adolph von Basedow, un medico tedesco che come Graves e all’incirca nello stesso periodo, si dedicò all’osservazione e allo studio di diversi fenomeni collegati a patologie della tiroide.

Cosa significa patologia autoimmune?

Secondo la medicina occidentale una patologia autoimmune è una malattia cronica per la quale non c’è una cura definitiva e che deve essere tenuta sotto controllo nel tempo tramite farmaci e cambiamenti nello stile di vita.

Si tratta di un tipo di malattia che coinvolge il sistema immunitario.

Il nostro sistema immunitario svolge diverse funzioni tra cui quella di protezione e difesa dell’organismo da attacchi provenienti da agenti patogeni esterni o interni.

Un sistema immunitario sano che risponde correttamente alle sollecitazioni e a gli stimoli è perfettamente in grado di distinguere tra ciò che è innocuo per l’organismo e ciò che non lo è ed interviene solo quando e dove realmente serve.

Quando però il sistema immunitario perde la sua capacità di distinguere tra cellule sane e cellule ed organismi patogeni ecco che inizia a produrre anticorpi che attaccano per errore i tessuti sani distruggendoli progressivamente.

Ci sono numerose patologie autoimmuni che colpiscono diverse e specifiche parti del corpo, nella malattia di Graves l’organo colpito è la ghiandola tiroidea.

In che modo la malattia di Graves agisce sulla tiroide?

La tiroide è una piccola ghiandola a forma di farfalla che si trova posizionata alla base del collo, sul davanti e al di sotto delle corde vocali.

E’ una ghiandola che produce ormoni coinvolti nella crescita, nello sviluppo e nel metabolismo; produce anche ormoni che regolano la temperatura corporea, la frequenza cardiaca e lo stato emotivo.

Gli ormoni prodotti dalla tiroide direttamente o indirettamente agiscono su tutto l’organismo ed ecco perché uno squilibrio di questa ghiandola coinvolge tutto il sistema e produce sintomi molto vari e differenziati tra di loro che facilmente possono essere scambiati per disturbi causati da altre malattie creando confusione e difficoltà nell’effettuare una diagnosi.

In condizioni normali la tiroide produce i suoi ormoni in risposta all’ormone tireostimolante (TSH) prodotto dall’ipofisi che a sua volta riceve il comando di attivarsi dall’ipotalamo.

Nelle persone affette dalla malattia di Graves questa linea di comunicazione tra l’ipofisi e la tiroide si interrompe.

Il risultato è che vengono prodotti degli anticorpi “anomali” che imitano il comportamento del TSH e si legano ai recettori presenti sulla superficie delle cellule della ghiandola tiroidea e la stimolano a produrre ormoni in eccesso che vengono poi rilasciati nel flusso sanguigno.

Questi anticorpi anomali sono chiamati immunoglobuline stimolanti la tiroide (o TSI dall’inglese thyroid stimulating immunoglobulin).

La tiroide è responsabile della produzione degli ormoni triiodotironina (T3), tiroxina (T4) e diiodotironina (T2) che hanno la capacità di interagire con gli altri ormoni presenti nel corpo compresi il cortisolo, il progesterone, il testosterone e gli estrogeni.

La presenza di una sufficiente quantità di questi ormoni nel sangue è di vitale importanza per la salute dell’organismo ma uno squilibrio nei loro livelli normali può causare parecchi effetti negativi fino a sfociare in patologie come l’ipertiroidismo, l’ipotiroidismo, la tiroidite di Hashimoto e la malattia di Graves.

Oggigiorno una delle cause principali dell’ipertiroidismo è proprio la malattia di Graves.

Chi è più colpito dalla malattia di Graves?

Malattie autoimmuni e disordini della tiroide in genere colpiscono più le donne che gli uomini e la malattia di Graves non fa eccezione.

Si ritiene che le donne siano più soggette a causa del fatto che l’equilibrio ormonale femminile è più suscettbile ai cambiamenti causati da condizioni di stress fisico o psicologico.

La malattia di Graves colpisce più di frequente le donne nella fascia d’età compresa tra i trenta e i sessant’anni e in particolare ne sono ancora più soggette le donne al di sotto dei quarant’anni.

In alcuni casi la malattia di Graves può andare in remissione o addirittura scomparire dopo alcuni mesi o anni ma in genere questo non accade spontaneamente se non si fanno importanti cambiamenti nel proprio stile di vita.

E’ importante tenere sotto controllo la malattia perché se non trattata può causare complicazioni serie tra cui la cosiddetta tempesta tiroidea (una complicazione rara ma che può mettere a rischio di vita).

La tempesta tiroidea (anche detta crisi tireotossica) è in pratica una forma estrema di ipertiroidismo nella quale i sintomi si manifestano improvvisamente e con violenza a causa di un improvviso rilascio di una grande quantità di ormoni tiroidei nel sangue.

In alcuni casi la tempesta tiroidea potrebbe essere causata dalla terapia con iodio radioattivo o dall’aver assunto troppi ormoni tiroidei sostitutivi.

I sintomi della tempesta tiroidea includono:

  • vomito
  • diarrea
  • pressione alta
  • itterizia (ingiallimento della pelle)
  • convulsioni
  • delirio
  • forte agitazione
  • dolori addominali
  • crisi cardiaca

La tempesta tiroidea, se non immediatamente trattata, può portare al coma e infine alla morte.

Coloro che soffrono della malattia di Graves hanno anche maggiori probabilità di sviluppare tumori alla tiroide che sono però in genere curabili con l’asportazione chirurgica della ghiandola (tiroidectomia).

Le cause della malattia di Graves

Come per altri disordini autoimmuni non è stato possibile, almeno fino ad oggi, individuare una causa specifica che porti a sviluppare questo disturbo.

In effetti si ritiene che non esista nemmeno un’unico colpevole ma piuttosto che all’origine della malattia ci sia la combinazione di cause differenti che possono includere: la predisposizione genetica, una dieta squilibrata, alti livelli di stress e l’esposizione a determinati agenti tossici presenti nell’ambiente.

Una persona che abbia tra i propri familiari qualcuno affetto dalla malattia di Graves o da ipertiroidismo ha più probabilità di sviluppare a sua volta la malattia: ad oggi sappiamo che esiste una predisposizione genetica anche se ancora non è stato possibile isolare il gene o i geni specifici.

Molti esperti ritengono che questa malattia possa essere causata anche da alti livelli di stress o da un episodio traumatico.

Altri fattori considerati di rischio sono avere un sistema immunitario indebolito, essere soggetti a frequenti infezioni, essere fumatori e/o consumatori abituali di droghe (anche quelle cosiddette ricreative), essere in stato di gravidanza e la presenza di altre malattie (che prosperano in un organismo soggetto ad alti livelli di infiammzione) come il diabete e l’artrite reumatoide.

La malattia di Graves si sviluppa quando nell’organismo avvengono cambiamenti nei livelli degli anticorpi cosa che in genere si manifesta quando c’è uno stato infiammatorio ad alto livello generalizzato e per lungo tempo.

Il nostro sistema immunitario è progettato per rispondere ad un’ampia varietà di possibili “minacce”.

Normalmente questo meccanismo difensivo agisce per proteggerci da malattie o infezioni causate da batteri, virus, funghi, agenti tossici di vario tipo e mutazioni cellulari anomale ma, nelle persone che hanno disordini autoimmuni, l’iperattività del sistema immunitario lo porta ad attaccare cellule, organi e ghiandole sani e quindi a danneggiare seriamente tutto l’organismo.

Questo avviene perché nel tentativo di proteggere il corpo da quelle che vengono percepite come delle minacce (come ad esempio le tossine presenti in un cibo di scarsa qualità o quelle presenti nell’ambiente), il sistema immunitario produce degli anticorpi che attaccano una zona specifica dell’organismo, in questo caso la tiroide, invece di produrre quello stato infiammatorio transitorio e salutare grazie al quale l’organismo elimina gli elementi pericolosi che sono penetrati all’interno.

Segnali e sintomi della malattia di Graves

Alcuni dei segni e sintomi più comuni della malattia di Graves e dell’ipertiroidismo comprendono:

  • cambiamenti di umore improvvisi, ansia e irritabilità
  • dolori e debolezza muscolare
  • perdita di peso nonostante l’appetito sia invariato se non addirittura aumentato
  • sonno disturbato e irrequietezza
  • insonnia
  • battito cardiaco accelerato
  • forte sensibilità al calore e ai cambiamenti di temperatura
  • problemi digestivi, compresa diarrea
  • tremori alle mani e alle dita
  • aumento della sudorazione, pelle calda e umida
  • ingrossamento della tiroide (gozzo)
  • ciclo mestruale irregolare
  • disfunzione erettile e libido ridotta
  • cambiamenti nell’aspetto della pelle come il suo ispessimento nella zona inferiore delle gambe e bozzi rossastri (che indicano la dermopatia di Graves anche chiamata mixedema pretibiale, una condizione della pelle che talvolta può colpire chi soffre della malattia di Graves)
  • problemi agli occhi come la protrusione del bulbo oculare (chiamata orbitopatia di Graves o oftalmopatia di Graves) che, secondo alcuni studi, può colpire dal 30 all’80% dei pazienti affetti dalla malattia di Graves
  • dolori agli occhi, arrossamenti e sensibilità alla luce o parziale perdita della visione (una complicazione più rara della malattia di Graves)

Dieta e stile di vita per riportare la tiroide in equilibrio

Se ti riconosci in alcuni dei sintomi sopra indicati potresti aver sviluppato la malattia di Graves o essere sulla via dell’ipertiroidismo ed è quindi consigliabile che tu faccia al più presto un controllo medico per verificare il tuo stato di salute generale.

Che tu abbia o meno la conferma di aver sviluppato questo disturbo, intervenire sull’alimentazione è certamente la prima cosa che puoi fare per migliorare la tua salute.

Vediamo alcune strategie vincenti da adottare per allontanare il rischio di problemi alla tiroide e più in generale per vivere meglio:

Impara a gestire lo stress

Numerosi studi condotti su animali ed esseri umani hanno dimostrato che alti livelli di stress aumentano la possibilità di innescare risposte autoimmuni da parte del sistema immunitario.

Lo stress infatti provoca cambiamenti, sia a livello fisico che psicologico, che vanno ad impattare pesantemente sul funzionamento del sistema immunitario causando una serie di alterazioni neuroendocrine che portano a disordini autoimmuni e al danneggiamento di organi e tessuti.

Inoltre lo stress alza il livello del cortisolo nel sangue (il cortisolo è infatti definito l’”ormone dello stress”) causando disturbo al funzionamento dei neurotrasmettitori e peggiorando i sintomi dei disordini della tiroide.

Per evitare tutto questo inserisci nella tua giornata delle attività che aiutino a scaricare lo stress: dedicati ad un’attività per te particolarmente piacevole, fai esercizio fisico moderato, pratica la meditazione, trascorri del tempo a contatto con la natura quando e dove possibile, fai dei massaggi, usa gli oli essenziali, prendi in considerazione anche l’idea di fare del volontariato.

Segui una dieta antinfiammatoria

Adottare un’alimentazione che riduca l’infiammazione sistemica è uno dei modi più efficaci per normalizzare la funzionalità del sistema immunitario e creare un ambiente sano nell’intestino e di conseguenza per migliorare lo stato di salute del microbiota intestinale che è strettamente connesso al livello di salute generale dell’organismo.

Uno dei modi in cui una dieta sbagliata può causare risposte autoimmuni è quello di consumare frequentemente cibi contenenti allergeni come ad esempio latte e derivati e tutto ciò che contiene glutine, questo perché l’organismo percepisce queste sostanze come una minaccia nel momento in cui non possono essere propriamente digerite ed assimilate.

Gli allergeni contribuiscono nel tempo all’insorgere della permeabilità intestinale cioè il tessuto interno dell’intestino viene progressivamente attaccato e danneggiato fino a diventare letteralmente un “colabrodo” che lascia entrare nel flusso sanguigno sostanze che invece dovrebbero rimanere all’interno dell’intestino stesso per essere eventualmente eliminate.

Questo flusso continuo di sostanze dannose finisce per intossicare il sangue, quindi di conseguenza tutto l’organismo, innescando risposte autoimmuni a catena.

Da quanto detto fino ad ora abbiamo capito che è importante adottare una dieta che non faccia “arrabbiare” il sistema immunitario e non danneggi l’intestino.

I cibi da evitare sono:

  • Latte e derivati
  • Glutine (quindi eliminare tutti i prodotti fatti con farine da cereali che non siano naturalmente privi di glutine, in particolare grano e frumento che sono quelli che ne contengono la percentuale più alta)
  • Aromi artificiali, additivi, coloranti, (in generale evitare i cibi industriali confezionati, i cibi pronti surgelati, ecc,)
  • Zuccheri (anche quello di canna che non è meno dannoso dello zucchero bianco, sciroppi di mais, agave, fruttosio, ecc.)
  • Dolcificanti artificiali
  • Cibi che contengano OGM
  • Caffè e bevande che contengono caffeina

E’ importante anche eliminare i cibi che contengono iodio come il sale iodato, il rosso d’uovo e le alghe.

Per la stessa ragione è meglio evitare anche di assumere supplementi, integratori ed erbe che contengano questo elemento come ad esempio la quercia marina (conosciuta anche come fucus) e la laminaria.

I cibi da privilegiare in caso di malattia di Graves e ipertiroidismo sono:

  • Verdura fresca, meglio se consumata dopo una cottura leggera (ad esempio al vapore o saltata), che fornisce nutrienti e aiuta a combattere l’infiammazione.
    Se non sei di costituzione tendente al freddo puoi consumare occasionalmente anche succhi di verdura purché siano ottenuti con estrattore a bassa velocità.
    I vegetali appartenenti alla famiglia delle brassicacee o crucifere cioè cavoli, broccoli, rape, ravanelli, cavoletti di Bruxelles, kale o cavolo nero, cavolfiore, verza, crescione e rucola che sono sconsigliati in caso di ipotiroidismo in quanto contengono delle sostanze che interferiscono con l’assorbimento dello iodio e quindi rallentano la tiroide, proprio per questo motivo possono invece essere utili in caso di ipertiroidismo comunque senza abusarne e da consumare sempre previa cottura.
  • Frutta fresca da consumare in quantità moderate dato il suo contenuto di zuccheri e preferibilmente in versione macedonia calda o comunque mai fredda di frigorifero (nel sito di Energy Training trovi delle ricette per preparare delle deliziose macedonie di frutta cotta).
    Dai la preferenza a frutti a basso contenuto di zuccheri come i frutti di bosco, i mirtilli, le fragole, le mele, le pere, le albicocche e i lamponi.
    Assolutamente da evitare i succhi di frutta industriali che a seguito della pastorizzazione perdono il contenuto in fibre (che nella frutta non trattata tra le altre cose rallenta l’assorbimento degli zuccheri nel sangue al momento del consumo) e le vitamine lasciando un prodotto costituito solo di zuccheri e privo di nutrienti.
  • Erbe e aromi con proprietà antinfiammatorie come basilico, prezzemolo, rosmarino e origano
  • Spezie come curcuma, cumino, zenzero, cardamomo, finocchietto, coriandolo che stimolano la digestione e contribuiscono a normalizzare l’attività del sistema immunitario
  • Il brodo di ossa che aiuta a riparare il tessuto intestinale e a disintossicare l’organismo.
    Trovi le istruzioni su come preparare un buon brodo di ossa nell’articolo dedicato alla dieta e allo stile di vita nell’ipotiroidismo
  • Probiotici per ricostituire il microbiota intestinale e aiutare a combattere la permeabilità intestinale.
    Un ottimo modo di assumere probiotici di buona qualità è quello di preparare in casa lo yogurt partendo da latte di mandorle, latte di cocco o anche, se hai la possibilità di procurartelo, latte di capra crudo (evita il latte vaccino pastorizzato) e utilizzando uno starter per yogurt che trovi in vendita online o nei negozi di alimenti biologici e naturali.
    Da evitare gli yogurt industriali che sono pastorizzati e imbottiti di zuccheri o altri tipi di dolcificanti, coloranti e additivi di vario genere.
  • Grassi sani che riducono l’infiammazione e sono indispensabili per proteggere il cervello e per il buon funzionamento del sistema nervoso.
    I grassi sani migliori sono il ghi, l’olio di cocco e l’olio di oliva.

Fai esercizio fisico quotidianamente

Fare ogni giorno esercizio fisico è un ottimo modo di ridurre lo stress e l’infiammazione a patto che sia piacevole e non esagerato.

Il sovrallenamento rischia infatti di aumentare il livello di stress e l’ansia e di consumare preziosa energia vitale.

Le attività migliori sono il nuoto, il ballo, camminare, la bicicletta, lo yoga e alcune arti marziali come il tai chi e il qi gong.

Un’altra ottima ragione per adottare una dieta ricca di nutrienti e di fare esercizio fisico moderato è quella di mantenere le ossa in salute cosa che risulta particolarmente difficile in caso di malattia di Graves e ipertiroidismo.

Gli alti livelli di ormoni tiroidei presenti nell’organismo infatti interferiscono con la normale capacità dell’organismo di assorbire il calcio e altri minerali importanti per mantenere le ossa forti e in salute.

Smetti di fumare

L’esposizione al fumo di sigaretta, al tabacco e ad altre droghe cosiddette “ricreative” si è visto che può scatenare risposte autoimmuni dell’organismo inclusa la malattia di Graves.

Non si sa ancora esattamente come questo avvenga ma è possibile che l’alto livello di tossine presenti nel fumo di sigaretta (e in altre droghe) aumenti considerevolmente l’infiammazione e danneggi le cellule scatenando di conseguenza la risposta del sistema immunitario che inizia a produrre un numero sempre maggiore di linfociti T.

Limita l’esposizione a prodotti tossici

Ognuno di noi ogni giorno viene in contatto con una pletora di agenti tossici o potenzialmente tali dai quali siamo letteralmente circondati.

Si tratta di agenti chimici che si trovano nei comuni prodotti per la pulizia della casa, nei cosmetici, negli spray o diffusori di qualunque tipo (lacche e gel per capelli, profumatori per ambienti, candele profumate ed incensi di bassa qualità, ecc.), nei profumi, nei medicinali, negli antibiotici, nella pillola anticoncezionale.

A questo si aggiungano anche le sostanze disciolte nell’acqua potabile, fluoro e cloro in primis, che alterano il funzionamento della tiroide.

Nei limiti del possibile bisogna evitare o limitare l’esposizione a queste sostanze utilizzando il più possibile prodotti naturali anche fatti in casa (sul web si trovano infinite risorse per produrre in casa propria detergenti per la casa, cosmetici, dentifrici, saponi ecc.) o acquistati di produzione il più possibile naturale e biologica.

Evita di assumere farmaci che non siano strettamente necessari e bevi acqua di buona qualità filtrata e quindi priva di sostanze tossiche.

Usa musica e suoni rilassanti quando lavori o fai esercizio

Ogni volta che ti dedichi all’esercizio fisico e, se possibile, anche sul posto di lavoro ascolta musiche e suoni rilassanti come suoni ambientali naturali (ad esempio la pioggia, il rumore del mare, il crepitio del fuoco, ecc.), oppure musiche per la meditazione e il relax.

Questi suoni e musiche aiutano a ridurre lo stress e l’ansia. inducono la calma e favoriscono la concentrazione, il rilassamento e l’apprendimento.

Sul web trovi numerose siti e servizi che offrono questo tipo di risorse talvolta anche dando la possibilità di crearsi il proprio sound personale.

I rimedi naturali utili per la malattia di Graves e l’ipertiroidismo

Oltre ad intervenire su alimentazione e stile di vita vediamo quali sono i rimedi naturali che possono essere utili:

  • Ashwagandha, si tratta di una pianta adattogena molto usata nella medicina ayurvedica. Dato che ha la capacità di adattarsi alle condizioni in cui si trova l’organismo e di lavorare in sinergia con esso per riportarlo in equilibrio, l’ashwagandha può essere utile sia in caso di ipotiroidismo che di ipertiroidismo.
    Trovi altre informazioni utili su questa pianta nell’articolo dedicato alla dieta e allo stile di vita nell’ipotiroidismo.
  • Bugola, questa pianta contiene sostanze che aiutano a prevenire i danni alla tiroide
  • Valeriana e passiflora, utili per riequilibrare il sonno
  • Melissa, impedisce agli anticorpi di fissarsi alla tiroide
  • Vitamine del gruppo B, aiutano a ridurre i sintomi dell’ipertiroidismo
  • Steroli vegetali, aiutano a riequilibrare il sistema immunitario

Anche se si tratta di rimedi naturali il “fai da te” è sempre sconsigliato a meno di non avere conoscenze erboristiche e nutrizionali quindi, prima di assumere i rimedi sopra elencati, è sempre meglio consultarsi con un naturopata e con il medico anche per valutare le possibili interazioni con eventuali farmaci in corso di assunzione.

Conclusione

Riassumiamo i punti più importanti di questo articolo dedicato alla malattia di Graves:

  • la malattia di Graves è una forma di ipertiroidismo nella quale la tiroide produce troppi ormoni tiroidei
  • i sintomi comprendono ansietà, sbalzi d’umore, cambiamenti a livello della pelle, gozzo, occhi sporgenti, tremori, dolori muscolari e debolezza, palpitazioni cardiache
  • se non tenuta sotto controllo può causare la tempesta tiroidea, una complicazione rara ma molto pericolosa che può portare al coma e alla morte
  • in genere sono più colpite le donne nella fascia d’età compresa tra i trenta e i sessant’anni inoltre coloro che hanno parenti che hanno sofferto di questa malattia sono più a rischio di poterla sviluppare
  • si ritiene che questa malattia non abbia un’unica causa specifica ma piuttosto che sia il risultato di una serie di concause differenti come una dieta povera e squilibrata, alti livelli di stress fisico e mentale, eventi traumatici, eccessiva esposizione ad agenti inquinanti presenti sia nel cibo che nell’ambiente e una predisposizione genetica
  • al di la delle terapie mediche standard è importante fare dei profondi cambiamenti nel proprio stile di vita per tenere sotto controllo la malattia e riportare l’organismo in equilibrio, primo cambiamento fra tutti migliorare l’alimentazione adottando una dieta antinfiammatoria

Il Nuovo Metodo Energy, che ha lo scopo principale di spegnere l’infiammazione generalizzata nell’organismo e riportarlo ad una situazione di calma ed equilibrio, ti aiuta a fare proprio questo, con un beneficio che coinvolge non solo la tiroide ma tutto il tuo stato di salute e benessere generale.

Se non sai come fare o hai difficoltà a fare da solo prendi in considerazione l’idea di farti seguire da un coach scelto da Francesca tra i trainer che si sono formati alla sua scuola.


Fonti:


Prodotti citati in questo articolo che trovi in vendita nel nostro shop:


Condividi

Avatar

Franca Branda

Franca è nata e cresciuta a Milano.

Il fortunato incontro con Energy Training e Francesca Forcella Cillo ha portato Franca a prendere finalmente nelle sue mani la responsabilità della sua salute fisica e mentale e ad iniziare un lavoro di miglioramento.

Questo percorso è continuato con l'iscrizione all'Energy Academy e il conseguimento del Diploma di Operatrice Olistica in Educazione Alimentare ed Energetica che le consente anche di operare come Consulente e Coach del Metodo Energy Training.

Al momento Franca, grazie anche alla sua buona conoscenza dell'inglese, alla sua naturale curiosità e alla passione per la nutrizione e il benessere, contribuisce allo sviluppo e all'evoluzione di Energy Training creando contenuti per il li blog ed esplorando libri e articoli pubblicati in ambito nutrizionale a livello mondiale.

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


The Sautón Approach
Non perdere le nuove risorse!
Iscriviti alla newsletter per ricevere guide gratuite,
risorse esclusive, articoli, ricette e offerte:

137.936 persone già iscritte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico