Torta soffice di carote

Condividi

Torta-soffice-di-carote
  • Reset
  • Bambini
  • Vegetariani

Questa ricetta è adatta anche al Reset ai Bambini ai Vegetariani

Ingredienti per 8-10 porzioni
  • 110 gr di farina di cocco o mandorle (consiglio un mix delle due)
  • 220 gr di carote grattugiate finemente
  • 110 gr di granella di noci pecan o di macadamia (ammollate, scolate e tritate)
  • 4 albumi grandi
  • 120 gr di ghi (oppure olio di cocco)
  • 300 gr di latte di cocco denso (*)
  • 80 gr di eritritolo
  • 2 cucchiai di scorza di arancia bio grattugiata
  • 1 cucchiaio di semi di lino macinati
  • 1 cucchiaino di cannella, vaniglia, noce moscata
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci senza fosfati
  • 1 presa di sale

(*) il latte di cocco lo puoi ottenere mescolando 300ml di acqua tiepida a due cucchiai colmi di Energy- latte di cocco in polvere 

Preparazione

1. In una terrina mescola le farine, l’eritritolo, i semi di lino, le spezie, il lievito e il sale.

2. In un altro recipiente mescola gli albumi, l’olio di cocco fuso (o ghi), il latte di cocco e la scorza di arancia. Amalgama i due composti,  aiutandoti con una frusta elettrica, fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungi le carote e le noci tritate, continuando a mescolare a mano.

3. Versa in una teglia da forno di 24-25 cm di diametro, precedentemente unta.

4. Cuoci in forno statico a 160 gradi per un’ora

5. Decora la torta con una spolverata di cocco rapè

Prodotti per questa ricetta


Condividi

Sonia Vecchiato

Mentre ricerca uno stile di vita che porti energia nel corpo e nello spirito, Sonia approda in Energy Training e, sotto la sapiente guida di Devi Francesca, approfondisce le conoscenze sul benessere e sull'alimentazione e le applica su di sé ottenendo dei risultati evidenti. Sperimentatrice di ricette, organizzatrice di party, pic-nic e veloci spuntini, dispensa idee per prendersi cura del proprio corpo abbinando con attenzione ingredienti e sapori. Attualmente Energy-Tutor, al servizio di chi desidera ritrovare vitalità, salute e benessere.

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


Conosci il cibo che ti fa sentire “al massimo”
e quello che ti ruba energia e salute?
Fai il Test GRATIS
Non perdere le nuove risorse!
Iscriviti alla newsletter per ricevere guide gratuite,
risorse esclusive, articoli, ricette e offerte:

137.936 persone già iscritte
  1. ha commentato:

    Buonissima… infatti volevo farla con le carote! Grazie per questa ricetta! Si può mangiare a colazione?

    • ha commentato:

      Ciao Vale,
      grazie!
      La colazione migliore resta sempre quella salata. Però volendo sì, puoi mangiarla a colazione.
      Cari saluti

  2. ha commentato:

    Cosa posso usare al posto degli albumi? Quando postate ricette con albumi potreste dare l’alternativa per chi è allergico? Grazie
    Elena

    • ha commentato:

      Cara Elena,
      prova a sostituire per ogni albume una pastella composta da 1C di semi di lino macinati a farina, mescolato con 3 cucchiai di acqua. Oppure 1C di semi di chia e 3 Cucchiai di acqua. Lascia riposare 10′ prima di mescolarli all’impasto. Nel caso di muffin e torte puoi anche sostituire con mezza banana schiacciata. Un saluto grande!

  3. ha commentato:

    Ciao, al posto dell ‘ eritritolo si può usare lo zucchero di cocco o quello di canna? In quali dosi? Grazie Sabrina

    • ha commentato:

      Ciao Sabrina,
      se sostituisci con lo zucchero di cocco ricordati che 1C di eritritolo = 3/4 C di zucchero di cocco, come potere dolcificante. Eviterei lo zucchero di canna. Un saluto grande!

  4. ha commentato:

    Ciao, scusa ma al posto dell’eritritolo si può usare lo zucchero di cocco o quello di canna? In quali dosi? Grazie

  5. ha commentato:

    Va bene anche il latte di cocco normale che si compra al bio cioè quello fatto di riso?

    • ha commentato:

      Ciao Valentina,
      meglio di no. In genere c’è sempre dell’olio vegetale in quelle preparazioni. Inoltre è meglio se non è a base di cereali (come il riso), così è più in linea con una dieta a basso contenuto di carboidrati.
      Un caro saluto

  6. ha commentato:

    Ciao,
    ho due curiosità sulla frutta secca. Perché consigliate l’uso di questi tipi di noci esotiche e molto molto costose (pecan, macadamia) invece delle noci nostrane?
    Ho notato inoltre che fate un grande uso delle mandorle (da un test, non so quanto valido, sono risultata intollerante) e mai o quasi mai delle nocciole. C’é un particolare motivo gastronomico e/o nutrizionale? Grazie della vostra sempre generosa disponibilità,
    Emilia

    • ha commentato:

      Ciao carissima Emilia!
      Le noci sono in generale un alimento molto prezioso x il nostro organismo, perché contengono acidi grassi benefici, che controllano il livello di trigliceridi e colesterolo nel sangue. Ogni tipologia poi differisce dall’altra per determinate caratteristiche: le pecan hanno pochi grassi polinsaturi, fonte eccellente di antiossidanti e hanno una grande ricchezza di minerali e vitamine; le noci di macadamia contengono un’altissima percentuale di acido oleico che attiva il metabolismo ed aiuta a tenere pulite le arterie; le noci del brasile hanno un alto contenuto di selenio; le noci classiche hanno un rapporto Omega3-Omega6 meno equilibrato e sono anche più pesanti dal punto di vista digestivo, ma sono comunque una buona fonte di acidi grassi e proteine vegetali. Le pecan sono dolci, le macadamia morbide al palato, quelle del brasile hanno un sapore particolare a metá tra una noce nostrana ed una noce di cocco, e le nostrane sono leggermente più amare. Eccoti spiegato perchè a volte prediligiamo l’una o l’altra qualità. In ogni caso ricorda di ammollare sempre bene tutti i semi oleosi, meglio se in acqua e limone per 1-2 ore, per eliminare l’acido fitico.
      Per quanto riguarda le mandorle, le usiamo spesso per le sue proprietà ed i suoi benefìci, oltre ad essere un alimento nutriente e molto versatile in cucina, e dal sapore delicato. Ti allego un articolo che abbiamo pubblicato nel blog e che ti puó proprio interessare: http://www.energytraining.it/9-benefici-provati-delle-mandorle/
      Le nocciole le usiamo un po’ meno perchè è un seme oleoso più pesante, a volte fonte di intolleranza e dal punto di vista culinario tende a coprire gli altri sapori. Nel blog trovi comunque delle ricette che dovrebbero soddisfarti.
      Spero di esserti stata utile.
      Un caro saluto, Sonia

  7. ha commentato:

    Ciao. Io ho solo forno ventilato. I tempi e la temperatura viene ridotta? Grazie

    • ha commentato:

      Ciao Christiana!
      Se hai forno solo ventilato non c’è problema: mantieni comunque la temperatura indicata ma controlla la cottura della torta con un po’ di anticipo per non seccarla troppo: poi ogni forno ha reazioni diverse alla cottura soprattutto dei dolci. Prova a verificare con uno stuzzicadenti 10 minuti prima, poi se ti risulta ancora umido prolunga la cottura, sennó togli la torta dal forno.
      Fammi sapere com’è il risultato.
      Un saluto grande!

  8. ha commentato:

    Sto preparando la torta…ma 80 gr di eritritolo quanti cucchiai sono? per fare l’equivalenza con lo zucchero di cocco!
    Grazie Emilia

    • ha commentato:

      Cara Emilia,
      80gr di eritritolo sono più o meno 6 cucchiai rasi di eritritolo.
      L’eritritolo ha un potere dolcificante inferiore allo zucchero di cocco per cui se usi quest’ultimo, ne devi mettere 1 cucchiaio in meno. Un saluto grande.

  9. ha commentato:

    Grazie mille per l’accuratissima risposta sulla frutta secca…e per la passione, la dedizione e la cura che mettete nel vostro lavoro! Emilia

  10. ha commentato:

    Questa ricetta e’ adatta al reset?

    • ha commentato:

      Ciao Monia,
      sì è adatta, ma senza esagerare. Un caro saluto

  11. ha commentato:

    Buongiorno, sto cucinando la torta. Non si solidifica pero’ durante la cottura. Ho sbagliato con la quantità delle farine? Come deve essere il composto a crudo? Inoltre mi e’ Sorta la domand relativa all’eritrolo. Siccome non mi sembra tanto naturale (dalle letture su internet) vorrei provare a sostituirlo dalla stevia. Ci sono le controindicazioni a vostro parere? Grazie mille!!!

    • ha commentato:

      Ciao Anna,
      il composto a crudo deve essere piuttosto cremoso. Forse hai sbagliato le dosi? La torta dopo la cottura si presenta comunque abbastanza morbida. Per il dolcificante puoi sostituire l’eritritolo con la stevia anche se a nostro parere l’eritritolo è completamente naturale e sicuro. Un caro saluto

  12. ha commentato:

    Ciao,
    usando molto raramente il lievito mi ritrovo sempre le bustine scadute da tanto. Posso usare il bicarbonato e nel caso in che quantità per un cucchiaino di lievito? ci sono altre alternative al lievito?
    Grazie, Emilia

    • ha commentato:

      Ciao Emilia,
      sì puoi usare il bicarbonato nella misura di mezzo cucchiaino. Un caro saluto

  13. ha commentato:

    Ciao,i semi di lino si possono sostituire con il mix di semi (chi a lino e canapa)grazie

    • ha commentato:

      Ciao Giovanna,
      puoi provare e facci sapere se il risultato ti soddisfa. Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico