Tortino veg proteico con Omega Mix1 min read

Tortino veg proteico

Condividi

  • Restart
  • Vegetariani
  • Vegani

Questa ricetta è adatta anche al Restart ai Vegetariani ai Vegani


Ingredienti per due porzioni:
  • 1 finocchio
  • 6C. di Omega Mix (semi di chia, canapa e lino)
  • Qualche rondella di porro
  • 1 punta di cucchiaino di curcuma in polvere
  • 1 punta di cucchiaino di coriandolo
  • 1C. di maggiorana
  • 1C. di ghi
  • ½ c. di sale alle erbe
  • 2-3 C. di acqua
  • Prezzemolo fresco tritato
Preparazione

1. Taglia il finocchio a fettine sottili

2. In una padella, fai appassire per un minuto il porro nell’acqua

3. Aggiungi il finocchio, le spezie ed il sale

4. Chiudi con il coperchio e cuoci per 10 minuti circa mescolando ogni tanto

5. Spegni ed aggiungi il ghi

6. Versa in un recipiente da mixer il finocchio e gli OMEGA MIX

7. Frulla per 30 secondi

8. Se il composto risultasse troppo asciutto, aggiungi 1-2 C. di acqua calda

9. Lascia riposare per qualche minuto

10. Versa metà del composto in una ciotolina o utilizza un coppapasta

11. Metti il tortino nel piatto

12. Spolvera con del prezzemolo fresco

13. Servi subito

NOTA: Puoi sostituire i finocchi con altre verdure a tuo piacimento, ad es. zucchine, sedano, zucca, carote, radicchio, per variare il tortino a seconda dei tuoi gusti.


Prodotti per questa ricetta


Condividi

Avatar

Sonia Vecchiato

Mentre ricerca uno stile di vita che porti energia nel corpo e nello spirito, Sonia approda in Energy Training e, sotto la sapiente guida di Devi Francesca, approfondisce le conoscenze sul benessere e sull'alimentazione e le applica su di sé ottenendo dei risultati evidenti.
Sperimentatrice di ricette, organizzatrice di party, pic-nic e veloci spuntini, dispensa idee per prendersi cura del proprio corpo abbinando con attenzione ingredienti e sapori.
Attualmente Energy-Tutor, al servizio di chi desidera ritrovare vitalità, salute e benessere.

Consulta le fonti e gli studi principali a cui facciamo riferimento

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


The Sautón Approach
Unisciti a 170.000 iscritti e ricevi guide,
ricette e consigli esclusivi:

  1. Avatar
    ha commentato:

    Ottimo! Ma i semi si devono mettere a bagno prima di utilizzarli?
    Grazie!

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Lori,
      in questo caso i semi non vanno ammollati preventivamente ma assorbiranno l’acqua durante la preparazione dell’impasto. Un caro saluto

  2. Avatar
    ha commentato:

    Ma dove sono le proteine ? Grazie

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Maria Pia,
      le proteine sono contenute nei semi di chia, nei semi di canapa e in parte anche nei semi di lino. Un caro saluto

  3. Avatar
    ha commentato:

    Ciao Sonia, volevo sapere se e’ meglio usare la maggiorana in polvere o secca. Li ho fatti .. molto buoni di sapore .. unica pecca , un po’ acquosi.. ma ottimi . Li rifarò ascoltando il tuo consiglio. Grazie mille

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Fabi,
      forse la maggiorana in polvere è più indicata perché rende più omogeneo il composto, ma se preferisci puoi usare anche quella secca. Un caro saluto

  4. Avatar
    ha commentato:

    Ciao Sonia,
    la mia tutor mi ha consigliato questo tortino, non avendo la confezione di omega mix in casa per prepararla ho visto che c’è il 25% di semi canapa, il restante 75% sono lino e chia in egual peso?
    I semi sono in polvere visto che non dici di fare l’ammollo?
    Grazie sempre per la passione, la cura e la gentilezza!
    Emilia

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Emilia,
      i semi di lino e chia sono in egual peso, e i semi sono appunto semi e non in polvere. L’ammollo non è previsto perché sono sufficienti i cucchiai di acqua a creare la “gelatina” necessaria a far da legante. Un caro saluto

  5. Avatar
    ha commentato:

    Scusami ma addirittura un cucchiaio di maggiorana? O un cucchiaino? Grazie Emilia

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Emilia,
      la ricetta prevede un cucchiaio raso, ma se preferisci, puoi metterne meno, dipende dal gusto personale. Un caro saluto

      • Avatar
        ha commentato:

        Grazie, mi sembrava troppo perche avevo assaggiato solo i finocchi, dimenticando che poi si stemperava con l’aggiunta dei semi! Buono e saziante, ottimo per il reset!

        • Avatar
          ha commentato:

          Ciao Emilia,
          sono felice che ti sia piaciuto: Un caro saluto

  6. Avatar
    ha commentato:

    Buongiorno tanti complimenti per le ricette veramente buonissime !!Vorrei sapere se devo sempre mettere in ammollo noci mandorle e alcuni tipi di semi prima della preparazione grazie!!

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Daniela,
      in genere, vanno ammollati in acqua e limone la frutta secca con guscio: mandorle, noci e i semi di chia, di canapa e di lino se quest’ultimi non vanno macinati. In ogni ricetta trovi comunque le indicazioni. In questo caso non è necessario l’ammollo in quanto è sufficiente l’acqua in aggiunta a creare la giusta umidità. Un caro saluto e grazie per i complimenti.

  7. Avatar
    ha commentato:

    salve, non ho capito ma nel mixer devo aggiungere acqua….visto che i semi non sono stati ammollati?
    grazie
    Annalisa

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Annalisa,
      come scritto nella ricetta, aggiungi nel Mixer 2/3 cucchiai di acqua: sono sufficienti per sviluppare la massa gelatinosa. Un saluto

  8. Avatar
    ha commentato:

    Ciao vorrei chiedere un altra cosa a riguardo.. Usando carote, sedano o zucchine, le dosi quali saranno ? Se uso il finocchio , specifica uno, ma se utilizzo una delle altre che ho scritto , come variano le dosi? Grazie mille ancora

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Fabi,
      fai dei tentativi: prova con mezza parte di ogni ortaggio e controlla che il composto sia abbastanza omogeneo e compatto e non troppo molle. Un saluto

Rispondi a Daniela Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico