Un pieno di energia, equilibrio e vitalità con l’ashwagandha

Condividi

L’Ashwagandha è una delle più potenti piante curative utilizzate nella medicina Ayurvedica e nelle culture orientali da migliaia di anni.

Originaria della regione del Pakistan, dello Sri Lanka e dell’India, in Occidente è conosciuta e diventata popolare negli ultimi 50 anni tanto da essere l’erba adattogena più comunemente utilizzata ed ampiamente studiata.

Ciò che la rende popolare, è infatti la sua capacità di agire come agente antistress mantenendo in equilibrio i livelli ormonali.

Come tutte le erbe adattogene, l’ashwagandha aiuta il corpo a mantenere l’omeostasi, il suo equilibrio interno, anche nei momenti di stress emotivo o fisico.

Apprezzata per le sue proprietà ringiovanenti e rinvigorenti, viene spesso chiamata ginseng indiano anche se non appartiena alla stessa famiglia botanica.

In India ci si riferisce all’ashwagandha anche come alla “forza dello stallone” in quanto viene comunemente usata per rinforzare il sistema immunitario dopo una malattia.

L’ashwagandha fa parte della famiglia delle solanaceae, la stessa dei pomodori e delle melanzane e il suo nome scientifico è Withamnia Somnifera.

È un piccolo arbusto legnoso dai piccoli fiori gialli e le foglie a forma di lacrima che dà frutti di colore rosso /arancio.

L’ashwagandha e i suoi principi attivi

I witanolidi  sono le sostanze più attive.

Le parti maggiormente curative sono le foglie e le radici che vengono essiccate e ridotte in polvere.

Racchiude poi altri preziosi composti tra cui flavonoidi, antiossidanti come il superossido dismutasi e il glutatione, il più potente antiossidante prodotto dall’organismo.

Contiene inoltre alcaloidi e aminoacidi tra cui il triptofano.

È una buona fonte di ferro, calcio, carotene e vitamina C.

Una pianta antica nella medicina moderna

Dei benefici di questa pianta se ne avvalgono molti sistemi del corpo, compresi il sistema immunitario, neurologico, endocrino e riproduttivo.

Numerosi studi hanno dimostrato la sua efficacia nel:

  • migliorare la funzione tiroidea
  • alleviare l’affaticamento surrenale
  • combattere lo stress, l’ansia e migliorare la depressione
  • equilibrare i livelli di zucchero nel sangue
  • combattere il cancro
  • ridurre l’infiammazione e lo stress ossidativo
  • ridurre la degenerazione delle cellule cerebrali e migliorare la memoria
  • rinforzare il sistema immunitario
  • aumentare la resistenza e la forza muscolare
  • migliorare la funzione sessuale e la fertilità

L’ashwagandha migliora la funzione della tiroide

Questa pianta si è dimostrata estremamente efficace nel migliorare la salute della tiroide sia in caso di ipotiroidismo sia in caso di ipertiroidismo.

Uno studio pilota del 2017, pubblicato sul Journal of Alternative and Complementary Medicine, ne ha valutato i benefici su 50 pazienti con ipotiroidismo subclinico.

Durante un periodo di 8 settimane, al gruppo di trattamento sono stati somministrati 600 milligrammi di estratto di radice di ashwagandha ogni giorno, mentre al gruppo di controllo è stato somministrato l’amido come placebo.

I ricercatori hanno scoperto che l’ashwagandha ha migliorato i livelli sierici dell’ormone TSH e della tiroxina (T4) in modo significativo rispetto al placebo. (1)

L’ashwagandha sostiene le ghiandole surrenali

Le ghiandole surrenali sono ghiandole endocrine poste sopra i reni e responsabili del rilascio di una grande quantità di ormoni differenti.

Rilasciano in particolare cortisolo e adrenalina, in risposta allo stress e ormoni sessuali come il DHEA.

Quando la produzione, a causa di un continuo stress o ad errori alimentari, si altera, si manifesta la cosiddetta stanchezza o affaticamento surrenale, condizione molto frequente.

Studi hanno dimostrato come l’ashwagandha possa essere utile nel sostenere la funzione surrenale e contrastarne l’affaticamento.

Aiuta a ridurre depressione, stress, ansia e insonnia

Una delle qualità di questa pianta, è la sua capacità di indurre calma e chiarezza mentale regolando i neurotrasmettitori come la serotonina e il cortisolo, il famoso ormone dello stress.

La ricerca ha dimostrato come il consumo di ashwagandha è utile nel:

  • diminuire i livelli di cortisolo e ridurre sostanzialmente lo stress cronico
  • trattare gli stati d’ansia (2)
  • stabilizzare l’umore nella depressione migliorando la resistenza allo stress e la qualità della vita (3)

L’ashwagandha può essere un valido supporto contro il cancro

La ricerca scientifica suggerisce come l’ashwagandha abbia effetti antitumorali promettenti su vari tipi di cancro come quello al polmone (4), al seno, (5) al colon (6), al cervello ( GBM). (7)

Prevenendo la crescita di cellule antitumorali grazie alla sua proprietà antiossidante e di potenziamento del sistema immunitario, l’ashwagandha si è mostrata essere un interessante aiuto anche nel contrastare gli effetti collaterali della chemioterapia.

Studi scientifici la consigliano come integrazione complementare, da affiancare ai trattamenti convenzionali contro il cancro. (8)

Regola il livello glicemico nel sangue

I flavonoidi contenuti nella pianta, svolgono un’attività ipoglicemica.

Uno studio su roditori ha concluso che sia la radice di ashwagandha sia gli estratti di foglie, hanno contribuito a normalizzare livelli di zuccheri nel sangue dei ratti diabetici.

Un altro studio ha evidenziato come, l’ashwagandha somministrata a ratti alimentati con fruttosio, inibisse l’aumento di glucosio, l’insulino-resistenza e l’infiammazione indotti dal fruttosio.

Questi dati suggeriscono che l’estratto di ashwagandha potrebbe essere utile per migliorare la sensibilità all’insulina e ridurre i marcatori infiammatori anche negli esseri umani. (9)

Aiuta a ridurre l’infiammazione e lo stress ossidativo

Lo stress ossidativo è uno squilibrio tra la produzione di radicali liberi e la capacità del corpo di neutralizzarli.

In più studi l’uso dell’ashwagandha ha portato ad una riduzione dello stress ossidativo e dell’infiammazione.

In modo particolare è stato testato l’estratto di radice su ratti con artrite con buoni risultati tanto che lo studio in conclusione suggerisce il potenziale uso di questa pianta anche nel trattamento dell’artrite negli esseri umani (10).

L’ashwagandha riduce la degenerazione delle cellule cerebrali e migliora la memoria

Questa pianta non ha dimostrato solo di alleviare lo stress, ma di proteggere anche il cervello da possibili malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson.

I witanolidi, gli steroidi principali contenuti nell’ashwagandha, sono stati iniettati nei roditori per testare le loro capacità di miglioramento cognitivo.

I ricercatori hanno scoperto che hanno contribuito ad invertire i deficit comportamentali, l’accumulo di placca e ridurre il carico di beta amiloide, che è cruciale nello sviluppo della malattia di Alzheimer (11).

Inoltre la ricerca moderna, ha provato che l’ashwagandha potenzia il glutatione, un importante antiossidante del cervello, un componente essenziale per lo sviluppo cellulare, l’attività enzimatica e per eliminare le tossine dal corpo.

Potenzia il sistema immunitario

Ricerche su animali e di laboratorio, mostrano che l’ashwagandha, essendo una pianta adattogena, può migliorare il sistema immunitario aumentando la produzione di immunoglobuline.

Aumenta la resistenza e la forza muscolare

ashwagandha

Uno dei benefici dell’ashwagandha è la sua capacità di aumentare la massa muscolare e la forza.

Uno studio del 2015 pubblicato sul Journal of International Society of Sports Nutrition, ha rilevato come l’integrazione con l’ashwagandha sia associata a:

  • un aumento della dimensione muscolare delle braccia e del torace
  • una riduzione significativa del danno muscolare indotto dall’esercizio fisico
  • un aumento dei livelli di testosterone
  • una maggiore diminuzione della percentuale di grasso corporeo

L’ashwagandha può aumentare i livelli di testosterone e migliorare la fertilità maschile

Nella medicina ayurvedica, l’ashwagandha è usata come un afrodisiaco naturale che può aiutare a migliorare la disfunzione sessuale.

È consigliata anche per aumentare i livelli di testosterone e migliorare la fertilità maschile.

Lo conferma uno studio condotto per analizzare l’attività spermatogenica dell’ashwagandha in pazienti con basse concentrazioni di spermatozoi e problemi di infertilità (12).

Come usare l’ashwagandha

In pratica puoi ricorrere all’uso di questa particolare pianta se ti trovi a dover affrontare periodi in cui:

  • svolgi un intenso lavoro fisico o mentale
  • non riesci a riposare bene e ad avere un sonno profondo
  • desideri  migliorare le tue prestazioni fisiche
  • nei cambi di stagione (in particolare con l’arrivo del freddo) per supportare il sistema immunitario e darti maggiore energia
  • tu e il tuo partner desiderate avere un bambino, ma riscontrate una difficoltà nel concepirlo

L’uso dell’ashwagandha in ogni modo non vuol essere una scorciatoia e da sola non promette miracoli.

Puoi trarre e godere il massimo delle sue proprietà benefiche, solo se la abbini ad una alimentazione sana e ad abitudini alimentari corrette, come sempre sosteniamo ed insegniamo in Energy Training.

Controindicazioni

In genere l’ashwagandha è ben tollerata da tutti nel breve periodo anche se è consigliabile farne un uso moderato e graduale.

Non andrebbe consumata per periodi troppo lunghi in quanto studi sul suo effetto a lungo termine non sono stati ancora effettuati.

Se soffri di problemi di salute, consulta il tuo medico prima di assumerla.

È sconsigliato l’uso in gravidanza e durante l’allattamento.

Studi suggeriscono che se assunta in eccesso, l’ashwagandha può causare spasmi all’utero e portare ad un aborto o ad un parto prematuro.

 

Puoi trovare l’ashwagandha nel nostro shop online:

https://www.energyfoods.it/prodotto/ashwagandha-in-polvere/

 

Fonti

Drmercola.com

Draxe.com


Condividi

Maria Pia Festini

Amante dei libri e della scrittura, mamma e assistente scolastica, nel 2013 si iscrive al programma di Energy Training, dal quale ne esce trasformata nel fisico e nella mente. Si lascia alle spalle 10 chili, il tormento quotidiano di cucinare solo per dovere e un rapporto conflittuale con il cibo che la segue sin da piccola. Decide così di diventare "Energy Trainer", affiancando Francesca nelle consulenze e firmando articoli per il blog.

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


Conosci il cibo che ti fa sentire “al massimo”
e quello che ti ruba energia e salute?
Fai il Test GRATIS
Non perdere le nuove risorse!
Iscriviti alla newsletter per ricevere guide gratuite,
risorse esclusive, articoli, ricette e offerte:

137.936 persone già iscritte
  1. ha commentato:

    Quindi è controindicata per me che assumo eutirox giornalmente a causa di ipotiroidismo?

    • ha commentato

      Ciao Enza,
      l’ashwagandha riequilibra gli ormoni tiroidei, ma dato che prendi l’Eutirox, ti consiglio di confrontarti con il tuo medico di fiducia. Un caro saluto

  2. ha commentato:

    Articolo molto interessante chiederò
    al mio medico se lo posso integrare.
    Grazie

    • ha commentato

      Ciao Marco,
      benvenuto sul blog! Siamo felici che tu abbia trovato l’articolo interessante. Continua a seguirci. Un caro saluto

  3. ha commentato:

    Questo articolo è molto interessante, se questa pianta offre tutti questui benefici senza controindicazioni anche per persone oltre i sessant’anni, la definirei miracolosa. grazie per l’informazione.

    • ha commentato

      Ciao Maria Rosa,
      Sono felice che l’articolo ti sia piaciuto. Non dimenticare però che i “miracoli” saranno molto più evidenti se di base segui una dieta sana e abitudini alimentari corrette. Un caro saluto

  4. ha commentato:

    Ciao Maria,
    cosa si intende esattamente per cicli di breve periodo?
    Esempio: la prendo per 1 mese e sospendo per 1 mese?
    Grazie mille

    • ha commentato

      Ciao Jacopo,

      puoi fare ad esempio cicli di un mese quattro volte all’anno.
      E’ particolarmente indicata nei cambi di stagione.

      Un cordiale saluto.

  5. ha commentato:

    Buongiorno, qual è la quantità giornaliera per me che peso 50 kg.?
    Grazie e a presto.

    • ha commentato

      Ciao Silvia,
      inizia con mezzo cucchiaino al giorno e poi aumenta gradualmente fino ad un cucchiaino, sempre al giorno. Un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico