L’intolleranza al lattosio è una bufala3 min read

Condividi


Si lo so che sarai già scattato: “ma come ti permetti?

Non hai idea di come io stia io se mangio qualcosa che lo contiene…Ma che storia è questa!

Aspetta e ascoltami e vediamo di capire perché non è il lattosio il vero problema e cosa c’è dietro al dilagare delle intolleranze.

Oggi infatti si fa un gran parlare delle intolleranze al cibo e sembra che ne soffriamo tutti, in un modo o nell’altro.

E allora che sta succedendo? Un’epidemia generale?

Se ti fermi solo al lattosio e lo togli dalla tua vita quello che accade è che stai meglio per un pò, poi piano piano i sintomi ritornano e allora la situazione si complica perché anche toglierlo sembra non bastare più.

Cosa è il lattosio e perché sembra darti così fastidio?

E qual è il vero problema che si nasconde dietro il lattosio?

Il lattosio è lo zucchero del latte, la sua caratteristica è che arriva quasi integro nell’intestino dove dovrebbe essere scomposto e degradato dai batteri intestinali, usato per nutrire i batteri stessi (cosa che accade magicamente nei neonati soprattutto allattati al seno!).

Ma cosa c’è di diverso oggi nel nostro intestino?

I nostri guai si chiamano disbiosi, cioè una condizione in cui la popolazione di batteri intestinali nemici e sgraditi è molto molto più alta di quelli buoni, (con tantissimi lieviti) e quando arriva il lattosio i batteri nemici fanno festa, ingrassano, proliferano e riducono i batteri amici a mera comparsa.

Quindi il vero problema non è il lattosio ma la nostra DISBIOSI intestinale.

E quindi su, fatemi la prossima domanda: cosa crea la disbiosi?

Il criminale numero uno è lo zucchero che in ogni forma è diventato il nostro cibo preferito (pane, pasta, crackers, biscotti, dolci, pizza, cereali, gallette, latte di cereali…).

Tutti questi alimenti contengono amidi in catene diverse (ma sempre amidi sono) e quello che accade è appunto che arrivano non digeriti nell’intestino e qui scatenano la guerra, ingrassano i batteri patogeni a danno dei preziosi batteri amici, da cui dipende tutta la nostra salute, sia di corpo che della mente.

Non è un caso che l’intestino è chiamato SECONDO CERVELLO e la DISBIOSI è tra le prime cause di malattia nel corpo: dal mal di testa al gonfiore, dai dolori articolari ai disturbi del ciclo, dai problemi di pelle alla eccessiva magrezza, dal sovrappeso alla depressione.

E’ tutta una questione di ecosistema intestinale e di rimettere in salute il nostro MICROBIOTA!

Adesso inizi a capire perché il problema non è il lattosio?

E perché chiamarla intolleranza al lattosio è una bufala?

Il punto è guarire dalla DISBIOSI e mettere ordine nel nostro intestino.

Ecco la EXIT STRATEGY per ogni intolleranza, dal lattosio al nichel:

  1. Elimina ogni forma di zucchero (non solo il lattosio) per un tempo definito, in grado di riequilibrare la tua flora batterica (da 4 settimane a 12 a seconda della disbiosi e del tempo da cui va avanti questo squilibrio).
  2. Usa probiotici (fermenti) per un buon tempo (da 1 a 3 mesi).
  3. Unisci i prebiotici, speciali zuccheri in grado di nutrire selettivamente i tuoi batteri amici.

In questo tempo idratati con acqua calda e inonda il tuo corpo di grassi, con un adeguato apporto di proteine e vegetali cotti.

Dai tempo ai batteri buoni di fare pulizia, riduci alla fame i loro nemici e ne sarai fuori per sempre.


Altri articoli che potrebbero interessarti:

Disbiosi intestinale: la prima colpevole è la dieta

La dieta e i rimedi per riparare l’intestino e vivere (più) felici

Bere acqua calda: i benefici di un segreto millenario dimenticato


Condividi

Devi Francesca Cillo

Devi Francesca Cillo

Educatrice, naturopata e Fondatrice e Direttrice di “Energy Training” – il Programma di alimentazione e salute naturali più seguito in Italia – ha insegnato alimentazione e cucina naturali a centinaia di persone durante innumerevoli corsi e consulenze individuali.

Consulta le fonti e gli studi principali a cui facciamo riferimento

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


The Sautón Approach
Unisciti a 170.000 iscritti e ricevi guide,
ricette e consigli esclusivi:

  1. Avatar
    ha commentato:

    Molto interessante
    Spero di imparare molto grazie

  2. ha commentato:

    Articolo molto utile,pratico,veritiero,chiaro per tutti.

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Angelo,
      grazie del tuo feedback!

  3. Avatar
    ha commentato:

    Ho letto con interesse l’articolo sulla disbiosi intestinale, per fare il test cosa devo fare? Grazie

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Giuli,
      benvenuta sul blog. A quale test ti riferisci? Se intendi effettuare un test che indaghi la composizione dei batteri che popolano l’intestino, allora ti devi rivolgere ad un laboratorio specializzato per il quale occorre parlarne con il tuo medico. Se invece vuoi scoprire lo stato della tua digestione o se è probabile o meno che tu soffra di disbiosi, c’è un test all’interno del programma online che consiste nel rispondere a delle domande. Un caro saluto

  4. Avatar
    ha commentato:

    Il latte di avena si può bere per la colazione? Enrico

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Enrico,
      benvenuto sul blog. Il latte di avena contiene glutine. Non contiene invece lattosio perché è un latte di cereali. Controlla che non vi siano zuccheri aggiunti. Meglio variare il più possibile la colazione. Sul blog trovi una guida ricca di consigli e ricette per tutti i gusti. Un caro saluto
      https://www.energytraining.it/colazione-proteica-guida-definitiva/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico