Macedonia di frutta con ghi e mandorle1 min read

Macedonia con ghee e mandorle

Condividi

  • Bambini
  • Vegetariani

Questa ricetta è adatta anche ai Bambini ai Vegetariani


Ingredienti per 2-3 porzioni
  • 2 mele
  • 1 pera (o albicocche in stagione)
  • 200 gr di mirtilli freschi
  • Zenzero fresco
  • 2 cucchiai di ghi
  • 8 mandorle pelate
  • ½ cucchiaino di semi di finocchio
  • 1 cucchiaino di semi di anice
  • 1 limone bio
  • ½ cucchiaino di cannella
  • ½ cucchiaino vaniglia in polvere
  • 1 cucchiaio di lucuma (fac.)
  • 1 pizzico di sale
Preparazione

1. Metti in ammollo le mandorle per 1 ora e poi scolale

2. Lava e taglia a tocchetti la frutta

3. Trita finemente un pezzetto di zenzero fresco

4. Premi mezzo limone ed aggiungilo alla frutta assieme alla lucuma

5. Versa la frutta in una padella e scalda aggiungendo qualche cucchiaio di acqua

6. Aggiungi le mandorle, lo zenzero, le spezie, il sale, i semi di finocchio e di anice

7. Cuoci per 4-5 minuti

8. Aggiungi il ghi, mescola e copri ancora per un minuto prima di spegnere

9. Versa in ciotoline da portata


Acquista i prodotti per questa ricetta

Condividi

Avatar

Sonia Vecchiato

Mentre ricerca uno stile di vita che porti energia nel corpo e nello spirito, Sonia approda in Energy Training e, sotto la sapiente guida di Devi Francesca, approfondisce le conoscenze sul benessere e sull'alimentazione e le applica su di sé ottenendo dei risultati evidenti.
Sperimentatrice di ricette, organizzatrice di party, pic-nic e veloci spuntini, dispensa idee per prendersi cura del proprio corpo abbinando con attenzione ingredienti e sapori.
Attualmente Energy-Tutor, al servizio di chi desidera ritrovare vitalità, salute e benessere.

Consulta le fonti e gli studi principali a cui facciamo riferimento

Ti è piaciuto questo articolo? C’è altro che vorresti sapere, su questo o su altro?
Scrivicelo nei commenti qui sotto!

Se invece sei pronto a rivoluzionare la tua vita con il metodo Energy Training,
clicca qui per scoprire come mangiare sano e raggiungere
i TUOI obiettivi di salute…con la guida di Francesca!


The Sautón Approach
Unisciti a 170.000 iscritti e ricevi guide,
ricette e consigli esclusivi:

  1. Avatar
    ha commentato:

    Ciao! ho visto anche in altre ricette (ad esempio noci macadamia) che non mettete a bagno la frutta secca in acqua e limone per 4 ore. Non è poi così importante? Grazie Emilia

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Emilia,
      per frutta secca intendi i semi oleosi (mandorle, noci pecan, noci di macadamia, nocciole…) o la frutta secca (albicocche, datteri, uvetta…)?
      I semi oleosi vanno sempre ammollati, con specifiche a seconda del seme e a seconda della ricetta. Le noci di Macadamia hanno un bassissimo contenuto di acido fitico, quindi basterebbe anche solo mezz’ora di ammollo, per ammorbidirle. Sul Ricettario abbiamo riportato tutte le specifiche sull’ammollo.
      Spero di aver risposto alla tua domanda…
      Un caro saluto

      • Avatar
        ha commentato:

        Ciao Raffaella grazie, mi riferivo alla frutta secca con guscio e in particolare alle mandorle della ricetta, che consigliate di tenere a bagno solo un’ora in acqua senza limone mentre avevo capito che fosse necessario tenere a bagno la frutta in guscio in acqua e limone per 4 ore. Vale solo per i cereali?
        A proposito di cereali ne approfitto per chiederti come mai non avete mai preso in considerazione altri cereali senza glutine che si trovano da un po’ di tempo nei biologici, come il sorgo, il teff e da pochissimo ho scoperto la canihua, ancora poco diffusa anche nei negozi bio. E infine ho scoperto sempre da poco che l’avena non contiene glutine e inizia ad esserci anche quella certificata per celiaci, come mai non c’è fra i cereali che consigliate?
        Grazie ancora dei consigli e del tempo dedicato! Un saluto affettuoso

        • Avatar
          ha commentato:

          Ciao Emilia,
          sì, per mandorle e noci sono 4 ore di ammollo, ma in questa ricetta basta un’ora perché sono mandorle pelate e la maggior parte dell’acido fitico è nella buccia. Per semi di zucca e girasole, ad esempio, bastano due ore di ammollo in sola acqua. C’è qualche differenza tra i diversi semi.
          Per quanto riguarda i cereali che hai citato, noi non usiamo teff e sorgo, ma essendo senza glutine si possono alternare agli altri cereali senza problemi, mangiandoli sempre come indichiamo (dopo le proteine e conditi a crudo con i grassi sani). Sì, l’avena contiene una quantità di glutine infinitesimale, tollerabile anche da un celiaco quindi anche quella si può usare.
          Prego e un saluto affettuoso anche a te!

  2. Avatar
    ha commentato:

    Ciao Raffaella, non è meglio aggiungere il succo di limone dopo la cottura in modo che non perde la vitamina C?

    • Avatar
      ha commentato:

      Ciao Maya,

      certamente puoi aggiungere il limone a crudo alla fine, ottimo suggerimento.

      Un caro saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia questo articolo ad un amico